Be Social, Be Happy!

Incontri con studenti, insegnanti e genitori per prevenire il cyberbullismo e vivere il web come formidabile opportunità

Che cosa è il cyberbullismo

cyberbullismo - Metis42Da sempre il bullismo rappresenta un serio problema nell’età adolescenziale e la scuola è uno dei luoghi in cui questi atti si verificano. A questo tristemente noto fenomeno si affianca oggi una sua “evoluzione”, conseguenza dell’impatto che la rivoluzione digitale in cui siamo immersi ha sul nostro modo di essere, comportarci, relazionarci: il cyberbullismo.

Per cyberbullismo si intende quell’insieme di atti intimidatori, violenti, umilianti compiuti e divulgati su internet specialmente attraverso i social network.

Da esperienze sul campo, dal confronto con insegnanti e famiglie e anche da alcune recenti ricerche, è emerso che per prevenire il cyberbullismo è fondamentale aiutare gli adolescenti ad un uso consapevole, maturo e responsabile di internet e di tutte le piattaforme sociali che frequentano.

Perché proponiamo Be Social, Be Happy alle scuole

Con il progetto BE SOCIAL, BE HAPPY!, già sperimentato con successo in diverse scuole nel precedente anno scolastico, vogliamo offrire un piccolo contributo per affrontare questi temi a scuola, anzitutto con il coinvolgimento attivo degli studenti direttamente nel gruppo “classe” in cui loro si ri-conoscono e possono in qualche modo confidarsi, senza imbarazzi o timori.

Be Social Be Happy scarica la brochure

Obiettivo principale del progetto è aprire un dialogocapace di predisporre gli adolescenti ad un uso più consapevole degli strumenti digitali, in particolar modo dei social network, riflettendo e lavorando insieme su temi come:

  • noi e l’importanza della nostra identità on line
  • opportunità e rischi del web
  • regole comuni per vivere felici sul web e i social network
  • chiacchierare, ascoltare, sfogarsi, emozionarsi … tanti modi di comunicare in modo sano e rispettoso, anche on line.

A chi si rivolgescuola-bambini-zaino

Gli incontri BE SOCIAL, BE HAPPY! sono rivolti a gruppi classe già formati delle scuole

  • elementari (classi quinte)
  • medie inferiori
  • medie superiori e.

E ovviamente a tutti gli insegnanti e i genitori dell’istituto.

La formula base di Be Social, Be Happy

1Incontri con gli studenti a livello classe

Il percorso, di circa due ore per classe, prevede momenti di confronto e riflessione, sperimentazione e gioco attivo e coinvolgente. Gli studenti, anche in base all’età, potranno utilizzare gli strumenti digitali che usano abitualmente (smartphone, tablet, notebook…).

2Report di indagine personalizzato a livello di istituto

Nel corso degli incontri con gli studenti svolgiamo, grazie a due questionari progettati ad hoc, un’indagine di tipo sociologico sul rapporto tra adolescenti e web e sul fenomeno del cyberbullismo. Per ciascuna scuola in cui interveniamo siamo quindi in grado di produrre un ampio report di indagine personalizzato, i cui dati possono essere anche confrontati a livello provinciale.

3Due incontri a livello di istituto, con gli insegnanti e con i genitori

Tale report sarà la base reale su cui insegnanti e genitori si confronteranno nel corso di due incontri a livello di istituto, allo scopo di: • capire meglio che cosa fanno i nostri ragazzi (e figli) in relazione al web e ai social network • prevenire eventuali problemi o temi caldi, dotarsi di uno strumento di lettura del fenomeno del cyberbullismo • confrontarsi su modalità e forme educative di intervento il più possibile condivise • ridurre il divario digitale intergenerazionale ragazzi-genitori e studenti-docenti • capire come usare web e social network in modo corretto (anche in chiave didattica), senza ansie e pregiudizi, conoscendone rischi e potenzialità.
I dirigenti e i docenti interessati a saperne di più su Be Social, Be Happy!, possono contattarci e scaricare la brochure di presentazione del progetto.

cyberbullismo - metis42