I diritti dei nativi digitali

Condividiamo molto volentieri un video del Centro Studi Erickson a cura della dr.ssa Maria Maura (insegnante, educatrice e formatrice) sui diritti dei nativi digitali ossia della generazione dei nostri piccoli bambini nati nell’era degli smartphone, dei touch screen, del web 2.0

10 Consigli molto utili, alcuni dei quali spesso diamo per scontati e che invece devono essere tenuti ben a mente per non “abbandonare” nella rete i nostri figli, perché saranno anche “nativi digitali” ma molto facilmente possono diventare “smarriti digitali”!

  1. Diritto ad accedere a carta, matita, mouse e touch screen;
  2. Diritto a non essere lasciato solo davanti ad uno schermo;
  3. Diritto ad essere tutelato dagli abusi e alla protezione delle informazioni personali;
  4. Diritto ad usare in modo critico e creativo le tecnologie senza farsi usare da esse;
  5. Diritto ad avere amici veri nella realtà e contatti selezionati on line;
  6. Diritto all’uso di tutti e 5 i sensi, la vista non basta;
  7. Diritto a sporcarsi le mani con terra e pittura;
  8. Diritto ad essere guidato con calma per orientarsi nei complessi intrecci della rete;
  9. Diritto ad essere connesso con le cose migliori che la rete e i media possono offrire;
  10. Diritto ad avare qualcuno che dica quando è il tempo di spegnere lo schermo.

Post correlati

Cadere e rialzarsi ai tempi di Google

Cadere e rialzarsi ai tempi di Google

Potremmo chiamarla la favola dell’uomo che disegnava mappe e che si perse per strada per colpa di una Google Car. Lo spunto è un’inchiesta della rivista “L’impresa” dedicata a come l’avvento del motore di ricerca di Page e Brin abbia sconvolto decine di business consolidati nel mondo. L’Istituto Geografico De Agostini – la società che dal 1901 ha dominato il mercato italiano della cartografia – alle soglie del Duemila si lanciò in un progetto digitale...

L’innovazione didattica parte dal basso: dalla classe 3.0 alla flipped classroom

L’innovazione didattica parte dal basso: dalla classe 3.0 alla flipped classroom

Tra gli innumerevoli processi di riforma della scuola introdotti negli ultimi anni, che troppo spesso si sono rivelati mere razionalizzazioni dell’esistente in funzione di obiettivi di risparmio della spesa, c’è sempre stato un tema quasi del tutto assente, o inserito alla stregua di invocazioni di principio senza però ricadute concrete: l’innovazione della didattica. A sopperire a questa grave lacuna (grave perché dovrebbe essere l’ossatura della riforma, non un eventuale abbellimento), ci...

Bullismo o ragazzata? La sfida educativa passa da Cuneo, e ci coinvolge tutti

Bullismo o ragazzata? La sfida educativa passa da Cuneo, e ci coinvolge tutti

Un antico proverbio africano recita: “Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio”. Detto in altri termini: non si educa da soli. Ovvero, non si può delegare ad altri l’educazione di qualcuno: tutti ne siamo coinvolti e corresponsabili. Partiamo dal fatto, ormai diventato noto caso di cronaca: in gita scolastica a Roma qualche settimana fa, quindici studenti tra 15 e 16 anni di un liceo di Cuneo si ritrovano insieme in una camera d’albergo. Uno di loro, forse un po’ brillo...

Commenta questo post