I diritti dei nativi digitali

Condividiamo molto volentieri un video del Centro Studi Erickson a cura della dr.ssa Maria Maura (insegnante, educatrice e formatrice) sui diritti dei nativi digitali ossia della generazione dei nostri piccoli bambini nati nell’era degli smartphone, dei touch screen, del web 2.0

10 Consigli molto utili, alcuni dei quali spesso diamo per scontati e che invece devono essere tenuti ben a mente per non “abbandonare” nella rete i nostri figli, perché saranno anche “nativi digitali” ma molto facilmente possono diventare “smarriti digitali”!

  1. Diritto ad accedere a carta, matita, mouse e touch screen;
  2. Diritto a non essere lasciato solo davanti ad uno schermo;
  3. Diritto ad essere tutelato dagli abusi e alla protezione delle informazioni personali;
  4. Diritto ad usare in modo critico e creativo le tecnologie senza farsi usare da esse;
  5. Diritto ad avere amici veri nella realtà e contatti selezionati on line;
  6. Diritto all’uso di tutti e 5 i sensi, la vista non basta;
  7. Diritto a sporcarsi le mani con terra e pittura;
  8. Diritto ad essere guidato con calma per orientarsi nei complessi intrecci della rete;
  9. Diritto ad essere connesso con le cose migliori che la rete e i media possono offrire;
  10. Diritto ad avare qualcuno che dica quando è il tempo di spegnere lo schermo.

Post correlati

Come difendersi dai servizi SMS a sovrapprezzo e non perdere un sacco di soldi!

Come difendersi dai servizi SMS a sovrapprezzo e non perdere un sacco di soldi!

L’altra sera me ne stavo sul divano alle prese con una delle serie tv più avvincenti del momento (Fargo, se può interessarvi, anzi, ve lo consiglio!). Ad un certo punto il cinguettìo dello smartphone mi notifica l’arrivo di qualcosa. Controllo distrattamente. È un SMS. Da un numero sconosciuto. Lo leggo altrettanto distrattamente. Dice così:

Lo sport non è una distrazione

Lo sport non è una distrazione

L’ho sempre pensato e sostenuto: lo sport fa bene non solo al fisico ma anche alla mente! Insomma, mens sana in corpore sano, come dicevano i latini. Il mio può essere considerato solo il punto di vista di una sportiva che da quando aveva 5 anni non ha mai smesso di fare sport, ma ora mi rincuora leggere svariate ricerche in cui, non solo si ribadisce questo concetto (secondo me quasi scontato) ma lo si approfondisce ulteriormente affermando che i bambini e i ragazzi che praticano...

3 consigli per imparare a conoscere l’autismo

3 consigli per imparare a conoscere l’autismo

Oggi 2 aprile 2015 viene celebrata la VII Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo, promossa dalle Nazioni Unite. “L’autismo” – si legge sul sito autismi.com – “fondamentalmente una forma particolare di situarsi nel mondo e, per lo tanto, di costruirsi una realtà. Associato o non a delle cause organiche, l’autismo è riconoscibile dai sintomi che impediscono o pongono delle serie difficoltà al bambino nel suo processo di entrata nel linguaggio, nella...

Commenta questo post