Si torna sui banchi! Cosa vorrebbero gli studenti il primo giorno di scuola

In questi giorni si può leggere un po’ di tutto sull’inizio del nuovo anno scolastico: pagine dedicate alla scuola e alla “buona scuola”, agli insegnanti, altre di studenti disperati, genitori “impauriti” e altri “entusiasti”, decaloghi e consigli utili, proteste e proposte, foto di bambini con zaini e palloncini, selfie e video di vario genere, insomma come ogni settembre che si rispetti un inizio di anno scolastico in piena regola!

Anche noi l’anno scorso avevamo dato qualche consiglio nell’articolo “E’ iniziata la scuola. Insegnanti e genitori: istruzioni per l’uso!”, quest’anno vogliamo provare a metterci dalla parte degli studenti, dalla prospettiva di chi, domani, sedendosi in un banco di scuola vuole capire fino in fondo perché tutti i giorni per nove mesi dovrà tornare là … e se ne vale davvero la pena!

Credo che, alla fine dei conti, gli studenti descritti spesso svogliati e disinteressati, preferiscano sapere “cosa li aspetta”, su cosa dovranno investire, cosa potranno imparare, come potranno diventare: offrire loro un “mappa del tesoro”, il percorso nuovo e stimolante che dovranno percorrere, tutti insieme, per poter arrivare alla fine dell’anno un po’ migliori di come lo si è iniziato!

Stuzzicare la fantasia, stimolare le aspettative, visualizzare i sogni, pianificare insieme il lavoro…sono strategie di fidelizzazione molto importanti che aiutano gli studenti a non essere semplici fruitori di un servizio ma co-partecipi e co-autori di un percorso nuovo e stimolante.

Tra i tanti interventi vi propongo un articolo di Alessandro D’Avenia, insegnante e scrittore, è di qualche anno fa ma è ancora valido, un po’ “romantico”, forse idealista, ma vi invito a leggerlo e a mettervi nei panni di chi, domani, siederà su quel banco di scuola!

Il primo giorno (di scuola) che vorrei!

Post correlati

10 consigli per far crescere la tua Web Reputation

10 consigli per far crescere la tua Web Reputation

Direttamente dalla Fiera del Lavoro Sociale progettata e realizzata dal Cospes Salesiani Sardegna in collaborazione con Metis42 nell’ambito del programma Garanzia Giovani Sardegna, vi proponiamo le slide del seminario “Pillole di web reputation per le imprese e per chi sta cercando lavoro”, dove presentiamo alcuni consigli pratici per usare al meglio il web e i social

“Diario di scuola” e la metamorfosi di un somaro. Parola di Pennac

“Diario di scuola” e la metamorfosi di un somaro. Parola di Pennac

Ho conosciuto Daniel Pennac, credo come la maggior parte dei lettori, attraverso le strepitose avventure di Benjamin Malaussène – e già questa saga familiare mi faceva annoverare lo scrittore francese tra i più geniali e stimolanti autori contemporanei – poi, tra una storia e l’altra del più famoso e forse unico capro espiatorio “certificato” di Parigi, mi sono fatta catturare definitivamente da “Come un romanzo” che è riuscito a...

Ecco l’identikit dei nativi digitali di Sassari e dintorni

Ecco l’identikit dei nativi digitali di Sassari e dintorni

Iperconnessi. Whatsapp-dipendenti. Vivono la loro dimensione “social” soprattutto come estensione spazio-temporale delle relazioni con gli  amici. La loro “vita in digitale” non è più un’appendice di quella reale, ma una semplice e naturale estensione. Problemi e cose spiacevoli avvenute on line? Sì, ma nella maggior parte dei casi sono state individuate in modo naturale delle strategie per venirne a capo. L’esperienza quotidiana e prolungata sul web insegna a capire a cosa si deve prestare...

Commenta questo post