Nasce Weschool, piattaforma web per innovare la didattica

Si chiama WeSchool e viene lanciata come “piattaforma digitale che dà i «superpoteri» ai prof”.

E’ il nuovo strumento digitale lanciato da Oilproject, piattaforma nata dall’intuizione di un giovane italiano (allora) diciottenne, di nome Marco De Rossi, che è riuscito nell’impresa di creare  la scuola online più grande d’Italia, con migliaia di testi, video, riassunti, lezioni di tutte le materie a disposizione (gratuitamente) degli studenti.

WeSchool invece si propone come strumento collaborativo destinato agli insegnanti e pensato anche per l’estero. Un modo per aiutare i prof a innovare la didattica anche in classe, in tutto il mondo.

Il modo migliore per capirne (o intuirne) il funzionamento è vedere questo video e poi dare un’occhiata alla piattaforma web.

Principio ispiratore di WeSchool è il concetto della Flipped Classroom (ne avevamo parlato in questo post). Attraverso questa piattaforma sarà possibile creare gruppi-classe, sottogruppi, gruppi tra classi e tra scuole, sicuri e protetti da password.

I docenti potranno gestire materie, eventi e progetti, assegnare compiti e verificare l’apprendimento, comunicare con i ragazzi e con i colleghi attraverso un sistema di messaggistica interno.

A loro volta gli studenti potranno partecipare e arricchire il materiale su cui lavorare, utilizzando qualsiasi strumento, dal pc al tablet allo smartphone.

La piattaforma, che permetterà al docente di gestire le attività della classe e creare esercizi e verifiche con 9 tipologie di quiz diversi (dal memory fino al cruciverba e ai videoquiz), verrà venduta alle scuole con un modello a licenza annuale. Stima De Rossi: circa «due euro a studente al mese».

Innovare la didattica è possibile, certamente grazie al web, ma anche (e prima di tutto), grazie alla volontà di chi desidera migliorarla.

 

Post correlati

Dai selfie ai belfie, fai che il passo non sia breve

Dai selfie ai belfie, fai che il passo non sia breve

Ho fatto di recente una scoperta raccapricciante: sull’onda della tendenza modaiola dei selfie, ne sta spopolando una nuova che però, come oggetto della foto, non ha la faccia, bensì il … ehm … deretano. Tale svago digitale assume il nome di “belfie”. Con tanto di accessoristica di supporto, come ad esempio il bastone, chiamato per l’appunto “belfie stick”, che aiuta il novello fotografo a posizionare lo smartphone nella posizione corretta e a completare...

Come si dice Abbecedario in linguaggio binario?

Come si dice Abbecedario in linguaggio binario?

Ho un figlio in prima elementare che sta scoprendo le meraviglie dell’alfabeto: vocali, consonanti e tutti gli intrecci che danno forma alle parole. Per questo ho letto con attenzione sull’ultimo Internazionale un’inchiesta dedicata alle scuole inglesi: le prime nel G7 a introdurre l’informatica obbligatoria per tutti gli studenti tra i 5 e i 16 anni. Nessun volo pindarico: all’età di 7 anni i bambini devono essere già in grado di scrivere un programma...

Quando un’amicizia su Facebook costa il posto di lavoro

Quando un’amicizia su Facebook costa il posto di lavoro

Come nel finale di una puntata di Colombo, con il tenente trasandato che incastra l’assassino usando un banalissimo trucchetto. Nei panni di Peter Falk si è ritrovata nel 2012 un’azienda abruzzese, che ha usato un espediente digitale per provare la condotta inadempiente di un dipendente. L’uomo, già sanzionato nel 2003 e 2009 per aver violato le regole dell’azienda, il 21 agosto si era allontanato dal posto di lavoro per una telefonata privata di quindici minuti...

Commenta questo post