Basta aver paura dei conflitti, litigare fa bene ai bambini!

“Basta! Smettetela di litigare!”
“Chiedi subito scusa a tuo fratello!”
“Vai in camera tua e rifletti su quello che hai fatto!”
“Non ci si comporta così, ha ragione il tuo compagno!”
Quante volte abbiamo pronunciato queste frasi?

A casa, a scuola, al parco; con fratelli, sorelle, amici, noi adulti abbiamo una paura folle dei conflitti che nascono tra i bambini. Ci intromettiamo con urgenza, li facciamo smettere, facciamo chiedere scusa, diamo torto e ragione …
 … E se invece il conflitto infantile fosse un tocca sana per i nostri bambini?
Lo afferma, dopo anni di ricerche e lavoro sul campo, il pedagogista Daniele Novara, direttore del CPP (Centro Psico Pedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti) di Piacenza.
Nei libri “Litigare fa bene. Insegnare ai propri figli a gestire i conflitti, per crescerli più sicuri e felici” (D. Novara, BUR Parenting) e “Litigare con metodo. Gestire i litigi dei bambini a scuola” (D. Novara – C. Di Chio, Erickson) ci spiega molto efficacemente che il conflitto infantile è una grande risorsa per crescere bene e diventare adulti capaci di accettare e gestire le complicazioni relazionali.
“Per i bambini il litigio è un fattore protettivo: le persone che non sanno litigare sono a rischio verso se stesse e verso gli altri”, quindi un’educazione che tende ad eliminare e reprimere ogni forma di conflitto non si rivela positiva, anzi non aiuta la crescita dei bambini.

Allora facciamo tutti un passo indietro e non trasferiamo sui bambini il nostro metro di giudizio e il nostro senso di giustizia, insomma lasciamoli litigare e imparare a gestire i loro conflitti!

Qui l’intervista completa a Daniele Novara

Post correlati

Il dilemma del cornuto 2.0

Il dilemma del cornuto 2.0

Nel 2012 l’Associazione degli avvocati matrimonialisti italiani rivelava che il venti per cento delle infedeltà coniugali (una su cinque) veniva scoperto grazie al controllo della posta elettronica e del telefonino del coniuge fedifrago. Oggi, dopo l’esplosione di WhatsApp, la percentuale sarà ulteriormente salita. La nostra vita scorre talmente sulle autostrade digitali che è naturale che rimanga traccia delle scappatelle o delle semplici amicizie “pericolose”. Ed è naturale che...

Ma in Europa la selezione diretta degli insegnanti non è un tabù

Ma in Europa la selezione diretta degli insegnanti non è un tabù

Una delle maggiori controversie della proposta di riforma della scuola targata Renzi, approvata alla Camera e attualmente in discussione al Senato, è legata all’estensione dei poteri del dirigente scolastico nella selezione dei docenti. Tanto che si parla da più parti di “presidi-sceriffo”. Il disegno di legge all’Articolo 9 “Competenze del dirigente scolastico” recita: “Per la copertura dei posti dell’istituzione scolastica, il dirigente scolastico propone gli incarichi ai docenti di ruolo...

Commenta questo post