Basta aver paura dei conflitti, litigare fa bene ai bambini!

“Basta! Smettetela di litigare!”
“Chiedi subito scusa a tuo fratello!”
“Vai in camera tua e rifletti su quello che hai fatto!”
“Non ci si comporta così, ha ragione il tuo compagno!”
Quante volte abbiamo pronunciato queste frasi?

A casa, a scuola, al parco; con fratelli, sorelle, amici, noi adulti abbiamo una paura folle dei conflitti che nascono tra i bambini. Ci intromettiamo con urgenza, li facciamo smettere, facciamo chiedere scusa, diamo torto e ragione …
 … E se invece il conflitto infantile fosse un tocca sana per i nostri bambini?
Lo afferma, dopo anni di ricerche e lavoro sul campo, il pedagogista Daniele Novara, direttore del CPP (Centro Psico Pedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti) di Piacenza.
Nei libri “Litigare fa bene. Insegnare ai propri figli a gestire i conflitti, per crescerli più sicuri e felici” (D. Novara, BUR Parenting) e “Litigare con metodo. Gestire i litigi dei bambini a scuola” (D. Novara – C. Di Chio, Erickson) ci spiega molto efficacemente che il conflitto infantile è una grande risorsa per crescere bene e diventare adulti capaci di accettare e gestire le complicazioni relazionali.
“Per i bambini il litigio è un fattore protettivo: le persone che non sanno litigare sono a rischio verso se stesse e verso gli altri”, quindi un’educazione che tende ad eliminare e reprimere ogni forma di conflitto non si rivela positiva, anzi non aiuta la crescita dei bambini.

Allora facciamo tutti un passo indietro e non trasferiamo sui bambini il nostro metro di giudizio e il nostro senso di giustizia, insomma lasciamoli litigare e imparare a gestire i loro conflitti!

Qui l’intervista completa a Daniele Novara

Post correlati

8 esempi di sharing economy. L’antica arte del dono si mette in rete

8 esempi di sharing economy. L’antica arte del dono si mette in rete

Dal cibo alle auto, dalle vacanze ai figli, dal condomino al riuso sostenibile: quando le persone sul web mostrano la parte migliore di sé   [Piccola premessa personale. Scrivo questo post con lo stomaco ancora chiuso dalla continua lettura di diversi (troppi) nauseanti commenti sui social network carichi di letame immotivato (e alimentato dai noti inqualificabili fomentatori di odio) nei confronti delle stragi continue di migranti sul nostro Mediterraneo. Avevo bisogno di un bagno...

DOSSIER Scuola e digitale: in 5 – impietosi – dati, il ritardo dell’Italia in Europa

DOSSIER Scuola e digitale: in 5 – impietosi – dati, il ritardo dell’Italia in Europa

Indovinate? La scuola italiana è fanalino di coda in Europa per quanto riguarda le infrastrutture digitali. Lo dimostra un’indagine realizzata dalla Commissione Europea nel 2013 dal titolo “Survey of Schools: ICT in Education”, che ha messo a confronto il sistema scolastico di 31 paesi europei in rapporto al digitale. Il quadro d’insieme è sconfortante. Abbiamo estratto 5 dati che sintetizzano (e simboleggiano) il divario del nostro paese rispetto al resto...

Commenta questo post