Basta aver paura dei conflitti, litigare fa bene ai bambini!

“Basta! Smettetela di litigare!”
“Chiedi subito scusa a tuo fratello!”
“Vai in camera tua e rifletti su quello che hai fatto!”
“Non ci si comporta così, ha ragione il tuo compagno!”
Quante volte abbiamo pronunciato queste frasi?

A casa, a scuola, al parco; con fratelli, sorelle, amici, noi adulti abbiamo una paura folle dei conflitti che nascono tra i bambini. Ci intromettiamo con urgenza, li facciamo smettere, facciamo chiedere scusa, diamo torto e ragione …
 … E se invece il conflitto infantile fosse un tocca sana per i nostri bambini?
Lo afferma, dopo anni di ricerche e lavoro sul campo, il pedagogista Daniele Novara, direttore del CPP (Centro Psico Pedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti) di Piacenza.
Nei libri “Litigare fa bene. Insegnare ai propri figli a gestire i conflitti, per crescerli più sicuri e felici” (D. Novara, BUR Parenting) e “Litigare con metodo. Gestire i litigi dei bambini a scuola” (D. Novara – C. Di Chio, Erickson) ci spiega molto efficacemente che il conflitto infantile è una grande risorsa per crescere bene e diventare adulti capaci di accettare e gestire le complicazioni relazionali.
“Per i bambini il litigio è un fattore protettivo: le persone che non sanno litigare sono a rischio verso se stesse e verso gli altri”, quindi un’educazione che tende ad eliminare e reprimere ogni forma di conflitto non si rivela positiva, anzi non aiuta la crescita dei bambini.

Allora facciamo tutti un passo indietro e non trasferiamo sui bambini il nostro metro di giudizio e il nostro senso di giustizia, insomma lasciamoli litigare e imparare a gestire i loro conflitti!

Qui l’intervista completa a Daniele Novara

Post correlati

Arrivano le vacanze e un elenco di 15 “compiti”

Arrivano le vacanze e un elenco di 15 “compiti”

Uno dei capitoli più spinosi riguardanti la scuola, soprattutto dal punto di vista degli studenti, è la questione dei compiti per casa: è giusto assegnarli oppure no? Molti? Pochi? Come devono essere? Lavori di gruppo? Ricerche? Sono solo alcuni degli interrogativi che aprono un intenso e vivace dibattito tra insegnati, famiglie e alunni. Oggi, con la leggerezza – ma non troppa – dell’imminente fine dell’anno scolastico mi voglio soffermare in particolare su...

Facebook, qual è la mia identità digitale?

Facebook, qual è la mia identità digitale?

Piccolo giochino per riflettere sul ruolo che assumiamo nei social network, perché nella gestione della nostra identità digitale è sempre valido il vecchio “conosci te stesso”. L’aspetto più importante è essere consapevoli dell’immagine che promuoviamo attraverso Facebook e i social network. Poi ognuno è libero di fare ciò che vuole (ricordandoci sempre, come avevamo visto qualche tempo fa in quest’altro articolo, che i “social network” sono luoghi...

12 atteggiamenti che bloccano la comunicazione con gli adolescenti (e non solo)

12 atteggiamenti che bloccano la comunicazione con gli adolescenti (e non solo)

Facciamo un piccolo test. Quante volte avete sentito delle frasi del tipo: “Devi stare più attento!”, “Se continui a mangiare così ti rovinerai la salute!”, “Perché non provi a farti seguire da qualcuno?”, “I giovani non hanno più valori”, “Ti sembra questo il modo di comportarti?”, “Dai, in fondo non è così grave, non ci pensare”. Che cosa avete provato quando vi sono state dette? E noi, le abbiamo mai utilizzate con i nostri ragazzi? Thomas Gordon Un noto psicologo americano di nome Thomas...

Commenta questo post