Genitori digitali: tre incontri per capire come educare al tempo di internet

A partire dal prossimo 24 febbraio a Sassari presso il Centro di Preparazione alla Famiglia si terranno tre incontri organizzati da Metis42 dal titolo “Genitori digitali: educare al tempo di internet“.

Chi di noi non si è mai posto almeno una volta una di queste domande:

  • Cosa fa mio figlio tutto il giorno attaccato allo smartphone?
  • È lì che naviga per ore, posso stare tranquillo? Lo devo controllare?
  • Quali rischi corre mio figlio quando naviga in internet?
  • Come funziona Facebook?
  • Mi figlia sta sempre lì a farsi selfie. Ma chi vede quelle foto? Devo preoccuparmi?

A partire da queste domande molto concrete approfondiremo il tema dell’educazione digitale. L’iniziativa è rivolta a tutti quei genitori (ma anche insegnanti ed educatori) che sentono la necessità di acquisire princìpi, regole, strumenti e strategie per accompagnare i propri figli nel mondo digitale, conoscendone i rischi ma anche – e soprattutto – le opportunità. Metis42 - Famiglia digitabile - 23 e 24 marzo 2015 Sassari

un modo, insomma, per affrontare il cambiamento in atto senza le paure che ogni cambiamento porta con sé, ma facendo propria la parola “consapevolezza”: conoscere per poter affrontare serenamente e in modo attivo la rivoluzione digitale.

Il programma prevede tre incontri:

1.“Ma cosa fa mio figlio sempre attaccato allo smartphone?” (mercoledì 24 febbraio ore 18,45)

  • Conosciamo meglio insieme il mondo del web 2.0 e dei Social Network, cosa sono, come funzionano. Partiamo da noi (e dai nostri figli): qual è la nostra presenza sul web? Quali social network conosciamo? A quali siamo iscritti? Come e quanto utilizziamo il web? Che cosa pubblichiamo? Che regole ci diamo?
  • Cerchiamo di capire insieme, anche attraverso i dati di una ricerca da noi effettuata nel territorio sassarese, cosa fanno realmente i ragazzi sul web e soprattutto sui social network.

 2. “E se mio figlio è vittima di un cyberbullo?” (mercoledì 9 marzo, ore 18,45)

  • Il mondo digitale ci spaventa? Abbiamo delle paure? Temiamo che possa succedere qualcosa ai nostri figli?
  • Cyberbullismo, Sexting, adescamenti on line, dipendenza da social: scopriamo insieme i rischi che si possono correre sul web e sui social network e capiamo insieme come agire, reagire, proteggerci e proteggere i nostri figli. Il selvaggio web: miti da sfatare, bufale, preoccupazioni.

3.“Una nuova era, nuove opportunità!” (mercoledì 23 marzo) 

  • Scopriamo in che modo la rivoluzione digitale sta cambiando (in meglio) il nostro modo di vivere, di educarci, di relazionarci, anche all’interno della famiglia. Scopriamo APP, apparecchiature e altre “diavolerie” che possono facilitarci la vita e migliorare la vita familiare. Diamoci delle regole condivise per vivere l’epoca digitale in modo consapevole e corretto.
  • Cerchiamo insieme delle strategie educative per stare accanto ai nostri figli ed educarli ad un uso corretto e responsabile degli strumenti digitali.

 

Il percorso potrà anche essere seguito singolarmente. La quota di partecipazione per singolo incontro è di 5 euro.

Tutti gli incontri saranno occasione speciale di confronto, scambio di opinioni e consigli prima di tutto da genitore … a genitore.

Pronti per partire?

 

Post correlati

La lezione di Soci@lmente consapevoli

La lezione di Soci@lmente consapevoli

Vogliamo condividere alcune lezioni apprese durante “Soci@lmente consapevoli”, l’evento sul tema del cyberbullismo promosso dal Corecom Sardegna in collaborazione con la Polizia Postale e delle Comunicazioni, l’Agcom, le Ragazze Terribili) e noi di Metis42 (con il patrocinio del MIUR e del Comune di Sassari). 1) Il bullismo digitale nasce sempre nel mondo fisico: sui social si sposta una persecuzione che prende il via a scuola o nei luoghi fisici di incontro dei giovani. Il...

Lo sport non è una distrazione

Lo sport non è una distrazione

L’ho sempre pensato e sostenuto: lo sport fa bene non solo al fisico ma anche alla mente! Insomma, mens sana in corpore sano, come dicevano i latini. Il mio può essere considerato solo il punto di vista di una sportiva che da quando aveva 5 anni non ha mai smesso di fare sport, ma ora mi rincuora leggere svariate ricerche in cui, non solo si ribadisce questo concetto (secondo me quasi scontato) ma lo si approfondisce ulteriormente affermando che i bambini e i ragazzi che praticano...

Commenta questo post