10 cose da sapere prima di dare uno smartphone ad un figlio!

Ormai si legge da tutte le parti, tutti i genitori ne sono più o meno consapevoli: dare a bambini e ragazzi libero accesso a smartphone e tablet comporta rischi e pericoli.
Quello che si sa meno è che molto dipende dai genitori.

Questi pericoli, infatti, crescono proporzionalmente o all’indifferenza dei genitori o alla loro eccessiva paura e, sia l’incuria che la paura, sono spesso la manifestazione dell'”ignoranza” dei genitori nei confronti di questa nuova sfida educativa.

Trasformare lo smartphone e il tablet in un babysitter o demonizzarli e proibirli hanno, paradossalmente, lo stesso effetto pericoloso di non educare i figli all’uso corretto, responsabile e condiviso di tutte le nuove “diavolerie” digitali.

Il National Center for Missing & Exploited Children (Ncmec), organizzazione non-profit fondata dal Congresso degli Stati Uniti, ha redatto 10 regole da seguire prima di regalare uno smartphone al proprio figlio e le stesse si concludono con questo avvertimento fondamentale: “Siete voi i responsabili della sicurezza dei vostri figli. Più ne sapete, meglio riuscirete a proteggerli”.

Anche dalle nostre esperienze di formazione rivolte ai genitori, ci siamo resi conto che la cosa fondamentale è che i genitori conoscano questi strumenti, conoscano internet, i social network, le APP e tutto quello con cui e su cui “smanettano” i propri figli, solo così si può aprire un vero dialogo che preveda anche delle regole e il controllo.bambino smartphone1

Michele Facci, psicologo e autore di saggi fra i quali Generazione Cloud. Essere genitori ai tempi di smartphone e tablet (Erickson), afferma che «La maggior parte delle famiglie fa finta di non sapere che l’uso della tecnologia da parte di bambini e adolescenti ha delle criticità. Oppure è bloccata dalla paura e vieta qualsiasi cosa, facendo danni altrettanto gravi. Quelli che si informano? Sono davvero pochi». La tecnologia è un dato di fatto e i genitori devono conoscerla perché può essere uno strumento straordinario se usata con intelligenza.

Queste infine le 10 cose se da sapere prima di regalare uno smartphone ad un figlio:

1)      Il quando

Non c’è un’età precisa. Ma se vostro figlio ha sempre vicino degli adulti, dall’insegnante ai nonni fino alla tata, non ha alcun bisogno di un telefono

2)      Il perché

Uno smartphone vi da la possibilità di sapere dove si trova. Esistono app, da Glympse a Life360 fino a Google+, che consentono di condividere la sua posizione

3)      L’importanza

Un telefono è una responsabilità ed è uno strumento per essere sempre in contatto con lui. Dovete spiegargli la sua importanza

4)      L’uso

Stabilite assieme dove e perché può usare il telefono. A scuola, ovviamente, può essere una distrazione

5)      Le app

Potete fare in modo che ogni app scaricata appaia anche sul vostro smartphone. Su Windows Phone ad esempio, c’è la funzione “La mia famiglia”. Guardate di cosa si tratta, non è detto sia fonte di pericolo. Anzi, può essere terreno di confronto e di divertimento

6)      La bolletta

Controllatela accuratamente, sinceratevi che non sia stato contattato da estranei

7)      Il rispetto

Spiegate loro che un’immagine condivisa smette di essere privata. E stabilite delle punizioni con lui nel caso dovesse condividere foto o messaggi di altri che non dovevano diventare pubblici

8)      La password

Deve esser chiaro che la password per accedere al telefono o alla posta non va rivelata a nessuno

9)      Le chat

Whatsapp o Line, fra le altre, permettono di scambiare messaggi e di chiamare. Ma non vanno mai accettati i messaggi inviati da sconosciuti

10)  La conoscenza

Cercate di stabilire qual è il modello di smartphone migliore per lui. Siete voi i responsabili della sua sicurezza. Più ne sapete, meglio riuscirete a proteggerlo

Post correlati

Come difendersi dai servizi SMS a sovrapprezzo e non perdere un sacco di soldi!

Come difendersi dai servizi SMS a sovrapprezzo e non perdere un sacco di soldi!

L’altra sera me ne stavo sul divano alle prese con una delle serie tv più avvincenti del momento (Fargo, se può interessarvi, anzi, ve lo consiglio!). Ad un certo punto il cinguettìo dello smartphone mi notifica l’arrivo di qualcosa. Controllo distrattamente. È un SMS. Da un numero sconosciuto. Lo leggo altrettanto distrattamente. Dice così:

Garibaldi diventa multimediale (ma quando arrivano i soldatini…)

Garibaldi diventa multimediale (ma quando arrivano i soldatini…)

Tanti sardi non lo sanno eppure dalle nostre parti esiste un sito museale che unisce passato e futuro, saperi antichi e innovazione in un percorso unico ed emozionante anche per i più piccoli. Parliamo del Compendio garibaldino di Caprera, che da qualche anno non è più rappresentato solo dallo storico – e visitatissimo – casolare dove visse e morì l’Eroe dei Due Mondi.

Dai selfie ai belfie, fai che il passo non sia breve

Dai selfie ai belfie, fai che il passo non sia breve

Ho fatto di recente una scoperta raccapricciante: sull’onda della tendenza modaiola dei selfie, ne sta spopolando una nuova che però, come oggetto della foto, non ha la faccia, bensì il … ehm … deretano. Tale svago digitale assume il nome di “belfie”. Con tanto di accessoristica di supporto, come ad esempio il bastone, chiamato per l’appunto “belfie stick”, che aiuta il novello fotografo a posizionare lo smartphone nella posizione corretta e a completare...

Commenta questo post