Le 5 regole per fare un buon selfie

Non tutti i selfie sono uguali. Almeno secondo un algoritmo messo a punto dal ricercatore Andrej Karpathy, che grazie a questa trovata informatica avrebbe trovato la pietra filosofale del nuovo millennio: gli ingredienti per fare un ottimo autoscatto da social.
Lo studioso ha scandagliato ben due milioni di foto postate sui social con l’hashtag #selfie, individuando quei dettagli che consentono ai nostri ritratti di emergere nel diluvio di facce rovesciate quotidianamente nella Rete. Ecco le cinque caratteristiche vincenti:

selfie allo specchio
1. Essere donna: un viso femminile “buca” molto di più di quello maschile.
2. Il volto non deve impallare l’inquadratura ma lasciare due terzi liberi: la posizione ideale è al centro o nella parte alta.
3. Non mostrare la fronte e lasciare i capelli sulle spalle (questo suggerimento sembra vincente anche per i maschi).
4. Utilizzare un filtro sfumato e aggiungere una cornice intorno alla foto.
5. Non fare selfie di gruppo.
Per verificare la correttezza di questa guida basta passare in rassegna i propri selfie e scoprire quali hanno raggiunto più LIKE o cuoricini.
Potremmo avere qualche sorpresa.
selfie con lo squalo

Post correlati

8 consigli per diventare “il professore che ci piace”: parola di studente!

8 consigli per diventare “il professore che ci piace”: parola di studente!

Io ne sono fermamente convinta: gli studenti, non tutti ma molti, la sanno lunga … soprattutto sui loro professori! Ebbene si, i ragazzi hanno delle idee! Sulla scuola, sullo studio, sui professori, su quello che vorrebbero fare e come e, se gli viene data la possibilità, hanno il desiderio di farsi sentire, di esprimersi e di comunicare. Troppo spesso pensiamo e crediamo che i ragazzi non abbiano niente da dire, che si lascino scivolare addosso ciò che accade ogni giorno ma questa...

Anni ’40, i nerd sassaresi che anticiparono Skype

Anni ’40, i nerd sassaresi che anticiparono Skype

E’ nel 1948 che i sassaresi hanno scoperto Skype, o almeno il suo più lontano antenato: la banda radioamatoriale. Nel luglio di quell’anno, il quotidiano locale Il Corriere dell’Isola rivelò l’esistenza di una comunità che oggi definiremmo di nerd: un gruppo di “ingegneri, medici, avvocati, impiegati, studenti, ufficiali dell’esercito e dei carabinieri” con la passione per le onde radio. Chi è nato prima degli anni Novanta avrà sentito parlare spesso dei radioamatori – anche perché proprio...

Come difendersi dai servizi SMS a sovrapprezzo e non perdere un sacco di soldi!

Come difendersi dai servizi SMS a sovrapprezzo e non perdere un sacco di soldi!

L’altra sera me ne stavo sul divano alle prese con una delle serie tv più avvincenti del momento (Fargo, se può interessarvi, anzi, ve lo consiglio!). Ad un certo punto il cinguettìo dello smartphone mi notifica l’arrivo di qualcosa. Controllo distrattamente. È un SMS. Da un numero sconosciuto. Lo leggo altrettanto distrattamente. Dice così:

Commenta questo post