Sardinia Code Week, alla scoperta delle competenze del futuro

Dal 10 al 18 ottobre in tutta Europa (e anche in Sardegna) si svolge la European Code Week, un’insieme di iniziative gratuite, promosse dal basso e su base volontaria dedicate ad imparare le basi della programmazione informatica.

Ormai il “saper programmare” è considerata una competenza fondamentale per gli studenti che si preparano al futuro, alla pari del “saper scrivere, leggere e far di conto”.

Ma che cosa è di preciso il “coding”?

In informatica equivale alla “stesura di un programma”, cioè la capacità di elaborare una sequenza d’istruzioni che, eseguita da un computer, dà forma a tutto ciò che, di digitale, usiamo tutti i giorni.

Nel mondo d’oggi (e di domani), acquisire familiarità con i concetti di base dell’informatica è un elemento fondamentale nel nostro processo di formazione, non solo come persone, studenti o lavoratori, ma anche come cittadini. Per essere adeguatamente preparato a qualunque lavoro vorrà fare da grande, ogni studente dovrà imparare, gioco forza, a comprendere che cosa sta dietro e dentro la tecnologia digitale, esattamente com’è accaduto nel secolo passato per la matematica, la fisica, la biologia e la chimica.

Per il secondo anno consecutivo, anche la Sardegna, grazie al lavoro dell’Associazione Sardegna 2050 e di Open CampusTiscali di Cagliari, ha aderito alla Settimana Europea della Programmazione, la “Europe Code Week 2015”, che si svolge in contemporanea in tutta Europa con un ciclo di eventi e laboratori gratuiti rivolti a diverse fasce d’età.

sardinia code week

Gli eventi sono davvero tanti, anche in Sardegna. A Cagliari il fulcro dell’iniziativa, ma tantissimi laboratori sono programmati ad Alghero, Sassari, Arborea, Nuoro, Dorgali, Cala Gonone, Sanluri, Assemini, Quartu Sant’Elena e Cagliari. Per conoscerne il programma e per iscrivervi potete cliccare qui.

Grazie a Sardinia Code Week sarà quindi possibile per tutti, grandi e piccini, scoprire che cosa si nasconde dietro arcane parole come User Experience Design, HTML e CSS, PHP, Python, Reactive web Application, Behavior Driven Development, Google Apps Script, AngularJS, sistemi di domotica, Seo, tecnologie 3D. E così via.

Sardinia Code Week 2015 è realizzata grazie alla collaborazione di Hub/Spoke, Ufficio Trasferimento Tecnologico dell’Università degli Studi di Sassari, AILUN, Tiscali, Sardinia Open Data, LIUC-Università C.Cattaneo, GuideMeRight, Nordai, Coder Dojo Cagliari, Neatec, WinePIX, Carlo Parodo, Abinsula, SARDU, Sist.El Informatica, Oligamma, Jservice, Inoke, Digital Champions Sardegna e tanti programmatori, studenti e insegnanti volontari. Chi volesse sostenere economicamente l’iniziativa, che è senza scopo di lucro, può farlo partecipandoalla raccolta fondi sul sito Rete del Dono.

L’invito è a non lasciarsi sfuggire questa bella occasione di rincorrere il futuro. Senza troppo arrancare.

 

Post correlati

Vivere o fotografare?

Vivere o fotografare?

E’ meglio ottenere un “mi piace” o godersi le esperienze? Lo studioso americano David Maxfield si trovava in spiaggia con la piccola nipote quando si rese conto che stava perdendo di vista le priorità: “Ero così intento a ottenere una buona immagine da caricare sui social – racconta sul sito venturebeat.com – che non mi sono goduto il momento di relax”. E così, insieme a Joseph Grenny ha promosso una ricerca proprio su questa distorsione della vita social. Risultato, il 58 per...

La lezione di Soci@lmente consapevoli

La lezione di Soci@lmente consapevoli

Vogliamo condividere alcune lezioni apprese durante “Soci@lmente consapevoli”, l’evento sul tema del cyberbullismo promosso dal Corecom Sardegna in collaborazione con la Polizia Postale e delle Comunicazioni, l’Agcom, le Ragazze Terribili) e noi di Metis42 (con il patrocinio del MIUR e del Comune di Sassari). 1) Il bullismo digitale nasce sempre nel mondo fisico: sui social si sposta una persecuzione che prende il via a scuola o nei luoghi fisici di incontro dei giovani. Il...

Commenta questo post