Le 5 lezioni “digitali” di Vivian Maier

Ci sono ancora due settimane di tempo per visitare al MAN di Nuoro la mostra dedicata a Vivian Maierla bambinaia americana che per cinquant’anni ha fotografato la vita nelle strade di New York e Chicago senza mai far conoscere il proprio lavoro.

Agli occhi di un educatore digitale questa esposizione – davvero emozionante – stimola almeno cinque interrogativi. Eccoli:

  • Vivian Maier viveva con la macchina fotografica appesa al collo e per strada immortalava tutti i soggetti e le situazioni che riteneva interessanti. Curiosa verso l’esterno, la bambinaia viveva nella riservatezza più assoluta, gelosa della propria privacy e della straordinaria quantità di foto e video realizzati nel corso degli anni. E’ giusto che il ritrovamento casuale di questo materiale – o meglio dire di queste opere d’arte – sia stato l’occasione per passare al setaccio la sua vita e renderla pubblica in ogni suo aspetto?
  • Il fotografare per condividere (su Facebook e Instagram) è una caratteristica dei nostri tempi e ai tempi di Vivian Maier era inconcepibile. Ci sono spazi in cui la fotografia deve rimanere ancora un fatto privato? Quali devono essere i limiti della “condivisione” che caratterizza la cultura 2.0?

September 24, 1959, New York, NY

  • Il fenomeno Maier è nato grazie all’acquisto all’asta di alcuni suoi negativi. Il giovane scopritore di queste prime foto – che cercava solo vecchie immagini della sua città – ha iniziato a indagare sull’identità dell’autrice, dando il via a una entusiasmante caccia al tesoro per due continenti: la curiosità e la tenacia di questo ragazzo hanno prodotto un fenomeno mondiale. Nella prima fase di questa avventura Internet ha avuto un ruolo decisivo. Poi sono venute le ricerche d’archivio e le interviste ai testimoni. Sarebbe bello educare i nostri figli al valore della ricerca e della serendipità, anche su temi di poco interesse: non si sa mai quale scoperta si possa fare. Lo abbiamo mai fatto?
  • Come insegnava Magritte col suo celebre paradosso – “ceci n’est pas une pipe” – ogni immagine in fondo è un piccolo tradimento, essendo solo la rappresentazione della superficie di un oggetto o di una persona, non la sua essenza. Educare a leggere le immagini è un passaggio irrinunciabile in un mondo sempre più mediato dagli schermi di smartphone, Pc e televisione. Abbiamo mai affrontato questo tema con i nostri figli?

151

  • Questa mostra è anche una grande lezione di storytelling. Le foto sono indubbiamente di grande valore ma il fascino è dovuto in gran parte alla storia – e al mistero – costruiti intorno all’autrice. Siamo in grado di valorizzare l’arte del racconto per dare spessore alle nostre piccole storie familiari, anche utilizzando gli strumenti che la cultura digitale ci mette a disposizione?

Post correlati

“iOsmosi” connecting children, il mondo in classe!

“iOsmosi” connecting children, il mondo in classe!

L’iniziativa che oggi vogliamo presentare si chiama iOsmosi connecting children. Ci ha colpito perché, oltreché sfruttare le nuove tecnologie, aiuta a mettere in comunicazione i bambini di tutto il mondo e, scusate se ci permettiamo di generalizzare, ma questo è il vero segreto per costruire un mondo più umano. iOsmosi connecting children è una piattaforma che mette in contatto le scuole e i bambini del mondo (dai 3 ai 10 anni) per la condivisione della lingua e...

Sardinia Code Week, alla scoperta delle competenze del futuro

Sardinia Code Week, alla scoperta delle competenze del futuro

Dal 10 al 18 ottobre in tutta Europa (e anche in Sardegna) si svolge la European Code Week, un’insieme di iniziative gratuite, promosse dal basso e su base volontaria dedicate ad imparare le basi della programmazione informatica. Ormai il “saper programmare” è considerata una competenza fondamentale per gli studenti che si preparano al futuro, alla pari del “saper scrivere, leggere e far di conto”. Ma che cosa è di preciso il “coding”? In informatica equivale alla “stesura di un programma”...

8 esempi di sharing economy. L’antica arte del dono si mette in rete

8 esempi di sharing economy. L’antica arte del dono si mette in rete

Dal cibo alle auto, dalle vacanze ai figli, dal condomino al riuso sostenibile: quando le persone sul web mostrano la parte migliore di sé   [Piccola premessa personale. Scrivo questo post con lo stomaco ancora chiuso dalla continua lettura di diversi (troppi) nauseanti commenti sui social network carichi di letame immotivato (e alimentato dai noti inqualificabili fomentatori di odio) nei confronti delle stragi continue di migranti sul nostro Mediterraneo. Avevo bisogno di un bagno...

Commenta questo post