Anni ’40, i nerd sassaresi che anticiparono Skype

E’ nel 1948 che i sassaresi hanno scoperto Skype, o almeno il suo più lontano antenato: la banda radioamatoriale. Nel luglio di quell’anno, il quotidiano locale Il Corriere dell’Isola rivelò l’esistenza di una comunità che oggi definiremmo di nerd: un gruppo di “ingegneri, medici, avvocati, impiegati, studenti, ufficiali dell’esercito e dei carabinieri” con la passione per le onde radio. Chi è nato prima degli anni Novanta avrà sentito parlare spesso dei radioamatori – anche perché proprio un sassarese, Francesco Cossiga, era uno dei più noti in Italia – poi con l’avvento di internet questo mondo è stato un po’ dimenticato.

Ma nel 1948 la scoperta dei patiti della radiotrasmissione venne salutata con grande curiosità e meraviglia. Ben resa dall’inizio dell’articolo:

Ci è capitato, qualche giorno fa mentre ascoltavamo la radio nella gamma delle onde corte, precisamente su quel trattino della scala dove è segnato “dilettanti”, di sentire una voce che tra altre parole pronunciate in un codice sconosciuto, ha alcune volte ripetuto un nominativo seguito dal nome della nostra città”.

Il Corriere dell'Isola

Il giornalista descrive riti, regole e codici dei radioamatori, spiegando che al momento sono una ventina in Sardegna e che dialogano con persone in tutte le parti del mondo. Proprio la facilità a oltrepassare i continenti viene raccontata con toni che oggi ben si adattano alla rivoluzione di internet:

Stringono amicizia con persone diverse per razza, per colore, per religione, per costumi e idee. Persone che mai avranno l’occasione di conoscere personalmente, si chiamano per nome e usano fra loro una familiarità che solo una lunga vita in comune potrebbe giustificare. Si scambiano consigli, espongono le loro vicende, i risultati raggiunti, sono lieti di poter togliere dall’imbarazzo di un problema tecnico, un corrispondente lontano diecimila chilometri”.

Non sarebbe male far conoscere ai nostri ragazzi la storia di questi smanettoni ante litteram e la rigida etiquette che regolava i rapporti via onda radio. Quelle voci lanciate nell’aria dovevano avere qualcosa di magico.

Post correlati

DOSSIER Scuola e digitale: in 5 – impietosi – dati, il ritardo dell’Italia in Europa

DOSSIER Scuola e digitale: in 5 – impietosi – dati, il ritardo dell’Italia in Europa

Indovinate? La scuola italiana è fanalino di coda in Europa per quanto riguarda le infrastrutture digitali. Lo dimostra un’indagine realizzata dalla Commissione Europea nel 2013 dal titolo “Survey of Schools: ICT in Education”, che ha messo a confronto il sistema scolastico di 31 paesi europei in rapporto al digitale. Il quadro d’insieme è sconfortante. Abbiamo estratto 5 dati che sintetizzano (e simboleggiano) il divario del nostro paese rispetto al resto...

Come si dice Abbecedario in linguaggio binario?

Come si dice Abbecedario in linguaggio binario?

Ho un figlio in prima elementare che sta scoprendo le meraviglie dell’alfabeto: vocali, consonanti e tutti gli intrecci che danno forma alle parole. Per questo ho letto con attenzione sull’ultimo Internazionale un’inchiesta dedicata alle scuole inglesi: le prime nel G7 a introdurre l’informatica obbligatoria per tutti gli studenti tra i 5 e i 16 anni. Nessun volo pindarico: all’età di 7 anni i bambini devono essere già in grado di scrivere un programma...

Vivere o fotografare?

Vivere o fotografare?

E’ meglio ottenere un “mi piace” o godersi le esperienze? Lo studioso americano David Maxfield si trovava in spiaggia con la piccola nipote quando si rese conto che stava perdendo di vista le priorità: “Ero così intento a ottenere una buona immagine da caricare sui social – racconta sul sito venturebeat.com – che non mi sono goduto il momento di relax”. E così, insieme a Joseph Grenny ha promosso una ricerca proprio su questa distorsione della vita social. Risultato, il 58 per...

Commenta questo post