Quattro giovani atleti palestinesi in Sardegna: una festa di sport e solidarietà.

Al via il progetto “Lo sport: un ponte per la Palestina” che culminerà nel Mennea Day del 12 settembre. Quando lo sport diventa ponte per seminare pace e speranza.

Per il secondo anno consecutivo Sassari ospiterà quattro giovani atleti di Gerico (cittadina della Cisgiordania), per un’esperienza unica all’insegna dello sport, dello scambio interculturale e della solidarietà, che li vedrà impegnati dal 1 al 15 settembre allo Stadio dei Pini per uno stage di atletica leggera e una serie di innumerevoli eventi collaterali che culmineranno, sabato 12 settembre, con il prestigioso Mennea Day, un’occasione di festa dello sport aperto a tutti, agonisti e non, grandi e piccini.

L’iniziativa è promossa dall’Associazione Ponti Non Muri di Sassari, che da oltre 10 anni opera in tutto il territorio per sensibilizzare sulla questione palestinese, portando avanti iniziative concrete come il mercatino solidale con la vendita di prodotti dell’artigianato locale dei territori occupati, le adozioni a distanza dei bambini dell’orfanotrofio La Créche di Betlemme, diversi incontri culturali con presentazione di film e libri che documentano le condizioni di vita del popolo palestinese, fino ad arrivare a questa seconda edizione del progetto “Lo sport: un ponte per la Palestina”. E basterebbe solo il titolo per capire il senso profondo dell’iniziativa.

Locandina del progetto Sport un ponte per la paelstina

Ma chi sono i protagonisti che in queste due settimane faranno un’esperienza di vita unica e forse –  purtroppo – irripetibile? Eccoli, ritratti nella recente foto di copertina (in alto) durante la loro visita a Palazzo Ducale di lunedì scorso.

Ameer Ziad, Natali Shaeen (attaccante della squadra nazionale di calcio femminile palestinese, che per l’occasione si allenerà anche con la nostra blasonata Torres femminile), Duha Idriss e Murad Moghrabi, accompagnati dal loro allenatore Ahmad Darrash e dall’interprete Mohammed Isayed.

Sono ragazze e ragazzi della squadra di atletica “I giovani di Gerico” (Shabab Ariha), l’unica mista nei Territori Occupati Palestinesi: giovani volenterosi e dotati che ogni giorno hanno a che fare con la totale assenza di supporti tecnici e logistici per allenarsi nel modo più sicuro, corretto ed efficace: attrezzatura sportiva, una pista di atletica degna del nome, il confronto con altre realtà, la possibilità per atleti e allenatori di seguire corsi di aggiornamento o stage formativi. Tutte “condizioni” per noi minime e scontate. Per loro, invece, inesistenti. Un vero e proprio “lusso”, come la libertà.

Per arrivare a Sassari hanno fatto un viaggio estenuante: gli aeroporti in Palestina sono tutti chiusi o inagibili. I palestinesi non possono passare tramite Tel Aviv, perciò devono attraversare il ponte di Allenby e arrivare finalmente in Giordania, precisamente ad Amman. I check-point non si contano neanche. I ragazzi sono partiti da Gerico alle 7 del mattino di sabato 29 agosto. L’imbarco per Roma era alle 4 del mattino del giorno dopo: per fortuna hanno trovato un punto d’appoggio che ha permesso loro di aspettare il volo per Roma con più serenità. Sbarco a Sassari alle 10.30 di domenica.

Siete tutti invitati a seguire, anche fisicamente se volete, le iniziative in programma. Eccole:

  • Domenica 30 Agosto – Alghero ore 10.35: Arrivo e accoglienza all’aeroporto.
  • Lunedì 31 Agosto – Sassari ore 10: Incontro con il Sindaco di Sassari e il Presidente del Consiglio Comunale di Sassari. Visita del Palazzo Ducale e della mostra del Caravaggio.
  • Lunedì 31 Agosto – Sassari ore 16.00 Stadio dei Pini: Apertura dello Stage. Incontro con la stampa, saluto del pubblico e primo allenamento.
  • Martedì 1 Settembre – Terralba ore 16.00: Partecipazione al Raduno Regionale di categoria
  • Sabato 5 Settembre – Oristano ore 17.00: Campo di atletica, XIII Giornata del Super Premio
  • Lunedì 7 settembre – Ploaghe ore 16.00: Allenamento e a seguire incontro con le autorità e con i giovani del paese
  • Martedì 8 settembre – Sassari ore 11.00: Incontro con il Rettore dell’Università di Sassari e con la Delegata allo Sport
  • Venerdì 11 settembre – Sassari ore 9.30: Incontro con gli allievi delle classe superiori dell’Istituto Pitagora
  • Sabato 12 Settembre – Sassari ore 17.00, Stadio dei Pini: XIV Giornata del Super Premio: “Mennea Day” – “Trofeo Ponti non muri”. Alla 14° prova del Superpremio 2015 quest’anno verrà affiancato il trofeo Ponti non Muri in coincidenza con la manifestazione nazionale ‘Mennea Day’ dedicata a celebrare la memoria e i valori del campione Olimpico di Mosca 1980 e detentore per decenni del record del mondo dei 200 metri, in 19.72 (Città del Messico, 12 settembre 1979). Come l’anno scorso la gara è aperta a tutti gli appassionati che vogliano testimoniare con la propria presenza in pista l’adesione ai valori forti che Mennea seppe legare al proprio nome: integrità, dedizione e rispetto di sé, del proprio corpo e degli avversari. Valori che l’oro di Mosca seppe portare con sé anche nella sua vita fuori dalla pista e che portarono alla creazione della Fondazione Pietro Mennea Onlus, impegnata in iniziative di solidarietà sociale. Nell’occasione verrà organizzata anche a Sassari una gara sui 200 m per atleti non agonisti in sostegno al progetto “Sport: un ponte con la Palestina”
  • Domenica 13 settembre – Sassari ore 19: Festa di saluto
  • Lunedì 14 Settembre – Nuoro ore 10.00: Incontro con le autorità e giornata di amicizia con i giovani del “Progetto Farfalla Judo”
  • Martedì 15 Settembre – Alghero ore 19.20: Partenza della squadra

Per saperne di più e incoraggiare i nostri amici di Gerico anche virtualmente, vi invitiamo a tenere d’occhio alla pagina Facebook di Ponti Non Muri.

Che altro dire se non … “Yalla”! La traduzione più accurata di questa parola è Ajò. Cioè, siateci.

gerico, palestina, stage di atletica, ponti non muri

I ragazzi di Gerico in una foto “al completo” della squadra

 

Post correlati

“Mi curo di te”: il wwf e la scuola insegnano ai bambini come prendersi cura del pianeta

“Mi curo di te”: il wwf e la scuola insegnano ai bambini come prendersi cura del pianeta

Perché ogni persona interiorizzi stili di vita sostenibili e comportamenti corretti e responsabili è necessario che fin da bambini si vivano e si sperimentino momenti di vicinanza alla terra, alla natura e si condividano questi temi importanti attraverso lezioni, letture, confronti e giochi. Il wwf offre da sempre spunti e idee importanti che catturano l’attenzione dei bambini così da renderli protagonisti fin da piccolissimi nella salvaguardia del pianeta. In particolare...

Ecco gli extra-pedestri. Per ripensare – insieme – mobilità e qualità di vita

Ecco gli extra-pedestri. Per ripensare – insieme – mobilità e qualità di vita

L’invasione è iniziata. Ma per fortuna “gli extra-pedestri” hanno intenzioni amichevoli. E larghi sorrisi. E curiosi occhi bambini. Si trovavano a bordo dell’astronave EP999 per esplorare nuovi mondi e fare conoscenza di altre forme di vita e di civiltà. Fino ad arrivare là dove nessun extra-pedestre è mai giunto prima: Sassari.

La lezione di Soci@lmente consapevoli

La lezione di Soci@lmente consapevoli

Vogliamo condividere alcune lezioni apprese durante “Soci@lmente consapevoli”, l’evento sul tema del cyberbullismo promosso dal Corecom Sardegna in collaborazione con la Polizia Postale e delle Comunicazioni, l’Agcom, le Ragazze Terribili) e noi di Metis42 (con il patrocinio del MIUR e del Comune di Sassari). 1) Il bullismo digitale nasce sempre nel mondo fisico: sui social si sposta una persecuzione che prende il via a scuola o nei luoghi fisici di incontro dei giovani. Il...

Commenta questo post