Fidenia il “social” per la scuola

Un anno fa nasceva una nuova esperienza “social” molto speciale, Fidenia. Oggi cerchiamo di scoprirla insieme per capire le opportunità e le potenzialità di un social network nato, pensato e organizzato per le esigenze e i protagonisti del mondo della scuola: insegnanti, studenti e genitori, un luogo di incontro e scambio che può rivelarsi davvero utile!
Fidenia è un “social learning” nato il 15 maggio 2014 per offrire alla scuola un luogo 2.0 in cui far incontrare e crescere le nostre scuole; funziona avvicinando alle tecnologie digitali le nuove esigenze della didattica e della scuola, con la marcia in più di essere un vero e proprio “social network” graficamente  simile al famoso e usatissimo Facebook cosi da renderlo subito abbastanza immediato e familiare.

Le principali funzionalità di Fidenia sono: fedenia2

  • Strumenti di e-learning per assegnare e valutare verifiche on line;
    – Digital repository per condividere file e pubblicare materiale didattico e multimediale;
    – Funzionalità social per lo scambio di informazioni tra i vari attori della scuola;
    – Calendario per essere sempre aggiornati sugli avvenimenti scolastici;
    – Registro elettronico per registrare i voti e le assenze degli studenti.

Fidenia non si rivolge solo ai docenti ma a tutti i protagonisti della scuola, cercando di facilitare le attività quotidiane sia didattiche che di altro genere come l’invio di comunicazioni, la condivisione di risorse e materiali e lo scambio di informazioni.

Dentro Fidenia i docenti creano la loro classe virtuale possono inserire materiali e documenti anche multimediali, assegnare verifiche on line, registrare i voti, comunicare con la classe. Gli studenti consultano ciò il docente inserisce e condivide, consegnano e condividono a loro volta elaborati e documenti, possono scambiarsi appunti, creare gruppi di studio e comunicare con i compagni.
I genitori hanno l’opportunità di verificare l’andamento del proprio figlio, creare gruppi di genitori, comunicare con la scuola.

Su Fidenia è presente anche un Blog molto interessante sulle tematiche della scuola moderna, aperta e interattiva, la scuola 2.0 che Fidenia contribuisce a far crescere, con spunti, riflessioni, consigli e appuntamenti sparsi per l’Italia.

Fidenia è senza dubbio un’ottima opportunità da sfruttare per incentivare una “didattica aperta, collaborativa, incentrata sulla condivisione di contenuti tra gli utenti, disposta a sperimentare nuovi linguaggi, ambienti, modalità di insegnamento e apprendimento” 

Post correlati

Cadere e rialzarsi ai tempi di Google

Cadere e rialzarsi ai tempi di Google

Potremmo chiamarla la favola dell’uomo che disegnava mappe e che si perse per strada per colpa di una Google Car. Lo spunto è un’inchiesta della rivista “L’impresa” dedicata a come l’avvento del motore di ricerca di Page e Brin abbia sconvolto decine di business consolidati nel mondo. L’Istituto Geografico De Agostini – la società che dal 1901 ha dominato il mercato italiano della cartografia – alle soglie del Duemila si lanciò in un progetto digitale...

Piovono bufale

Piovono bufale

Elenco (purtroppo parziale) delle principali bufale girate sul web nelle ultime settimane. La profuga col cellulare. Nelle scorse settimane è stato denunciato un ventenne siciliano che inventava bufale per aumentare i contatti sul proprio sito: una delle più discusse era quella del profugo che si faceva un selfie sulla spiaggia appena sbarcato. Secondo i giornali, il protagonista di questa storia ha dichiarato di non avere sentimenti razzisti ma di essere guidato solo dal desiderio di...

3 consigli per imparare a conoscere l’autismo

3 consigli per imparare a conoscere l’autismo

Oggi 2 aprile 2015 viene celebrata la VII Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo, promossa dalle Nazioni Unite. “L’autismo” – si legge sul sito autismi.com – “fondamentalmente una forma particolare di situarsi nel mondo e, per lo tanto, di costruirsi una realtà. Associato o non a delle cause organiche, l’autismo è riconoscibile dai sintomi che impediscono o pongono delle serie difficoltà al bambino nel suo processo di entrata nel linguaggio, nella...

Commenta questo post