Fidenia il “social” per la scuola

Un anno fa nasceva una nuova esperienza “social” molto speciale, Fidenia. Oggi cerchiamo di scoprirla insieme per capire le opportunità e le potenzialità di un social network nato, pensato e organizzato per le esigenze e i protagonisti del mondo della scuola: insegnanti, studenti e genitori, un luogo di incontro e scambio che può rivelarsi davvero utile!
Fidenia è un “social learning” nato il 15 maggio 2014 per offrire alla scuola un luogo 2.0 in cui far incontrare e crescere le nostre scuole; funziona avvicinando alle tecnologie digitali le nuove esigenze della didattica e della scuola, con la marcia in più di essere un vero e proprio “social network” graficamente  simile al famoso e usatissimo Facebook cosi da renderlo subito abbastanza immediato e familiare.

Le principali funzionalità di Fidenia sono: fedenia2

  • Strumenti di e-learning per assegnare e valutare verifiche on line;
    – Digital repository per condividere file e pubblicare materiale didattico e multimediale;
    – Funzionalità social per lo scambio di informazioni tra i vari attori della scuola;
    – Calendario per essere sempre aggiornati sugli avvenimenti scolastici;
    – Registro elettronico per registrare i voti e le assenze degli studenti.

Fidenia non si rivolge solo ai docenti ma a tutti i protagonisti della scuola, cercando di facilitare le attività quotidiane sia didattiche che di altro genere come l’invio di comunicazioni, la condivisione di risorse e materiali e lo scambio di informazioni.

Dentro Fidenia i docenti creano la loro classe virtuale possono inserire materiali e documenti anche multimediali, assegnare verifiche on line, registrare i voti, comunicare con la classe. Gli studenti consultano ciò il docente inserisce e condivide, consegnano e condividono a loro volta elaborati e documenti, possono scambiarsi appunti, creare gruppi di studio e comunicare con i compagni.
I genitori hanno l’opportunità di verificare l’andamento del proprio figlio, creare gruppi di genitori, comunicare con la scuola.

Su Fidenia è presente anche un Blog molto interessante sulle tematiche della scuola moderna, aperta e interattiva, la scuola 2.0 che Fidenia contribuisce a far crescere, con spunti, riflessioni, consigli e appuntamenti sparsi per l’Italia.

Fidenia è senza dubbio un’ottima opportunità da sfruttare per incentivare una “didattica aperta, collaborativa, incentrata sulla condivisione di contenuti tra gli utenti, disposta a sperimentare nuovi linguaggi, ambienti, modalità di insegnamento e apprendimento” 

Post correlati

“iOsmosi” connecting children, il mondo in classe!

“iOsmosi” connecting children, il mondo in classe!

L’iniziativa che oggi vogliamo presentare si chiama iOsmosi connecting children. Ci ha colpito perché, oltreché sfruttare le nuove tecnologie, aiuta a mettere in comunicazione i bambini di tutto il mondo e, scusate se ci permettiamo di generalizzare, ma questo è il vero segreto per costruire un mondo più umano. iOsmosi connecting children è una piattaforma che mette in contatto le scuole e i bambini del mondo (dai 3 ai 10 anni) per la condivisione della lingua e...

Anni ’40, i nerd sassaresi che anticiparono Skype

Anni ’40, i nerd sassaresi che anticiparono Skype

E’ nel 1948 che i sassaresi hanno scoperto Skype, o almeno il suo più lontano antenato: la banda radioamatoriale. Nel luglio di quell’anno, il quotidiano locale Il Corriere dell’Isola rivelò l’esistenza di una comunità che oggi definiremmo di nerd: un gruppo di “ingegneri, medici, avvocati, impiegati, studenti, ufficiali dell’esercito e dei carabinieri” con la passione per le onde radio. Chi è nato prima degli anni Novanta avrà sentito parlare spesso dei radioamatori – anche perché proprio...

Le 7 intelligenze (più una) per un arcobaleno della mente

Le 7 intelligenze (più una) per un arcobaleno della mente

Avevo un compagno di scuola che davvero non ne combinava una giusta, nelle materie da studiare: storia, geografia, scienze, niente…mandava a memoria pagine intere ma se saltava una riga era fregato. La matematica per carità, i numeri lo facevano ammattire, si metteva le mani nei capelli e non c’era verso di farlo ragionare, la professoressa gettò la spugna dopo il primo quadrimestre! Ma se gli capitavano tra le mani un foglio e una matita…avveniva la trasformazione: in men...

Commenta questo post