Fidenia il “social” per la scuola

Un anno fa nasceva una nuova esperienza “social” molto speciale, Fidenia. Oggi cerchiamo di scoprirla insieme per capire le opportunità e le potenzialità di un social network nato, pensato e organizzato per le esigenze e i protagonisti del mondo della scuola: insegnanti, studenti e genitori, un luogo di incontro e scambio che può rivelarsi davvero utile!
Fidenia è un “social learning” nato il 15 maggio 2014 per offrire alla scuola un luogo 2.0 in cui far incontrare e crescere le nostre scuole; funziona avvicinando alle tecnologie digitali le nuove esigenze della didattica e della scuola, con la marcia in più di essere un vero e proprio “social network” graficamente  simile al famoso e usatissimo Facebook cosi da renderlo subito abbastanza immediato e familiare.

Le principali funzionalità di Fidenia sono: fedenia2

  • Strumenti di e-learning per assegnare e valutare verifiche on line;
    – Digital repository per condividere file e pubblicare materiale didattico e multimediale;
    – Funzionalità social per lo scambio di informazioni tra i vari attori della scuola;
    – Calendario per essere sempre aggiornati sugli avvenimenti scolastici;
    – Registro elettronico per registrare i voti e le assenze degli studenti.

Fidenia non si rivolge solo ai docenti ma a tutti i protagonisti della scuola, cercando di facilitare le attività quotidiane sia didattiche che di altro genere come l’invio di comunicazioni, la condivisione di risorse e materiali e lo scambio di informazioni.

Dentro Fidenia i docenti creano la loro classe virtuale possono inserire materiali e documenti anche multimediali, assegnare verifiche on line, registrare i voti, comunicare con la classe. Gli studenti consultano ciò il docente inserisce e condivide, consegnano e condividono a loro volta elaborati e documenti, possono scambiarsi appunti, creare gruppi di studio e comunicare con i compagni.
I genitori hanno l’opportunità di verificare l’andamento del proprio figlio, creare gruppi di genitori, comunicare con la scuola.

Su Fidenia è presente anche un Blog molto interessante sulle tematiche della scuola moderna, aperta e interattiva, la scuola 2.0 che Fidenia contribuisce a far crescere, con spunti, riflessioni, consigli e appuntamenti sparsi per l’Italia.

Fidenia è senza dubbio un’ottima opportunità da sfruttare per incentivare una “didattica aperta, collaborativa, incentrata sulla condivisione di contenuti tra gli utenti, disposta a sperimentare nuovi linguaggi, ambienti, modalità di insegnamento e apprendimento” 

Post correlati

Una storia vera di cyberbullismo che colpisce al Cuore

Una storia vera di cyberbullismo che colpisce al Cuore

Sono rimasto molto colpito da una recente intervista a un adolescente vittima di un grave episodio di cyberbullismo nella sua classe. Ciò che più mi ha colpito è la descrizione che il ragazzo fa del suo compagno cyberbullo: “E’ malvagio. Quando uno piange, lui ride. Provoca tutti i più deboli di lui, e quando va su Facebook o su Ask.com, s’inferocisce e punta a far male. Non teme nulla, scrive male dei professori ovunque sul web, insulta tutti quando può, poi nega con una faccia...

Ma in Europa la selezione diretta degli insegnanti non è un tabù

Ma in Europa la selezione diretta degli insegnanti non è un tabù

Una delle maggiori controversie della proposta di riforma della scuola targata Renzi, approvata alla Camera e attualmente in discussione al Senato, è legata all’estensione dei poteri del dirigente scolastico nella selezione dei docenti. Tanto che si parla da più parti di “presidi-sceriffo”. Il disegno di legge all’Articolo 9 “Competenze del dirigente scolastico” recita: “Per la copertura dei posti dell’istituzione scolastica, il dirigente scolastico propone gli incarichi ai docenti di ruolo...

Si torna sui banchi! Cosa vorrebbero gli studenti il primo giorno di scuola

Si torna sui banchi! Cosa vorrebbero gli studenti il primo giorno di scuola

In questi giorni si può leggere un po’ di tutto sull’inizio del nuovo anno scolastico: pagine dedicate alla scuola e alla “buona scuola”, agli insegnanti, altre di studenti disperati, genitori “impauriti” e altri “entusiasti”, decaloghi e consigli utili, proteste e proposte, foto di bambini con zaini e palloncini, selfie e video di vario genere, insomma come ogni settembre che si rispetti un inizio di anno scolastico in piena regola!

Commenta questo post