La lezione di Soci@lmente consapevoli

Vogliamo condividere alcune lezioni apprese durante “Soci@lmente consapevoli”, l’evento sul tema del cyberbullismo promosso dal Corecom Sardegna in collaborazione con la Polizia Postale e delle Comunicazioni, l’Agcom, le Ragazze Terribili) e noi di Metis42 (con il patrocinio del MIUR e del Comune di Sassari).

1) Il bullismo digitale nasce sempre nel mondo fisico: sui social si sposta una persecuzione che prende il via a scuola o nei luoghi fisici di incontro dei giovani. Il social ha la funzione di amplificare e rendere permanente l’azione dei bulli;

Socialmente consapevoli sassari Metis 42

Lo “spettacolo” teatrale di Luca Pagliari con la storia di Andrea, vittima del cyberbullismo – Dal live tweeting dell’evento con l’hashtag #likess

2) stesso ragionamento per il linguaggio: l’aggressività digitale è sempre figlia della violenza verbale che nasce nel mondo fisico;

socialmente consapevoli sassari metis42

Manuel Vanuzzo, Capitano della Dinamo Basket, grande esperienza e saggezza. Un grande insegnamento per tutti. Dal live tweeting dell’evento con l’hashtag #likess

3) chi è vittima dei bulli deve sempre parlarne con qualcuno. Il silenzio è l’arma più formidabile nelle mani dei persecutori;

socialmente consapevoli sassari metis42

Dal palco sono in tanti a interagire, consigliare ma soprattutto ascoltare gli studenti durante il dibattito seguito alla storia “Like, storie di vita online”. Dal live tweeting dell’evento con l’hashtag #likess

4) un genitore non può ignorare completamente la vita digitale dei propri figli. Non c’è bisogno di ricorrere a software spia, strumenti manipolativi o alla censura più totale: il dialogo è sempre il modo migliore per prevenire il disagio;

socialmente consapevoli sassari metis42

Alcuni tweets degli studenti rivolti agli ospiti sul palco. Dal live tweeting dell’evento con l’hashtag #likess

5) nonostante siano in aumento le denunce per stalking e cyberbullismo sono ancora pochi i ragazzi che hanno il coraggio di palesare il proprio malessere rivolgendosi alle forze dell’ordine;

6) è sempre più difficile che chi viene identificato come cyberbullo possa farla franca, anche se pensa di agire in forma anonima.

socialmente consapevoli sassari metis42

43002 è il numero della polizia che si può chiamare, anche in forma anonima, per segnalare un caso di cyberbullismo. Dal live tweeting dell’evento con l’hashtag #likess

7) il web e i social network non sono “un problema”, ma una formidabile opportunità per accrescere le proprie relazioni, dialogare con il mondo, inventare un nuovo futuro. Shirin Ebadi, attivista iraniana per i diritti umani Premio Nobel per la pace nel 2003, dice: “Internet non è una rete di computer ma un intreccio di persone e culture: dovrebbe essere dichiarata Patrimonio dell’Umanità”. Sbagliato quindi dare una visione apocalittica. La strada migliore è educare ad un uso corretto e consapevole di questi strumenti, prevenendone i rischi e valorizzandone le potenzialità.

socialmente consapevoli sassari metis42

Uno dei momenti più “spettacolari” di Soci@lmente consapevoli: il teatro illuminato a giorno dagli smartphone dei partecipanti. Dal live tweeting dell’evento con l’hashtag #likess

Un’ultima lezione: l’attenzione e la partecipazione dimostrata dalle centinaia di studenti che hanno affollato il Teatro Comunale di Sassari e che hanno reso del momento del dibattito un’occasione di confronto franco, aperto, intelligente. Confronto che è avvenuto anche con un live tweeting molto partecipato attraverso l’hashtag #likess. Alcuni tweet sono il giusto completamento di questo post. Anche questo è un segnale che spesso i giovani sono più consapevoli di quanto si possa credere.

socialmente consapevoli sassari metis42

I ragazzi, veri protagonisti di “Soci@lmente consapevoli”. Dal live tweeting dell’evento con l’hashtag #likess

Post correlati

“Diario di scuola” e la metamorfosi di un somaro. Parola di Pennac

“Diario di scuola” e la metamorfosi di un somaro. Parola di Pennac

Ho conosciuto Daniel Pennac, credo come la maggior parte dei lettori, attraverso le strepitose avventure di Benjamin Malaussène – e già questa saga familiare mi faceva annoverare lo scrittore francese tra i più geniali e stimolanti autori contemporanei – poi, tra una storia e l’altra del più famoso e forse unico capro espiatorio “certificato” di Parigi, mi sono fatta catturare definitivamente da “Come un romanzo” che è riuscito a...

Ecco l’identikit dei nativi digitali di Sassari e dintorni

Ecco l’identikit dei nativi digitali di Sassari e dintorni

Iperconnessi. Whatsapp-dipendenti. Vivono la loro dimensione “social” soprattutto come estensione spazio-temporale delle relazioni con gli  amici. La loro “vita in digitale” non è più un’appendice di quella reale, ma una semplice e naturale estensione. Problemi e cose spiacevoli avvenute on line? Sì, ma nella maggior parte dei casi sono state individuate in modo naturale delle strategie per venirne a capo. L’esperienza quotidiana e prolungata sul web insegna a capire a cosa si deve prestare...

8 esempi di sharing economy. L’antica arte del dono si mette in rete

8 esempi di sharing economy. L’antica arte del dono si mette in rete

Dal cibo alle auto, dalle vacanze ai figli, dal condomino al riuso sostenibile: quando le persone sul web mostrano la parte migliore di sé   [Piccola premessa personale. Scrivo questo post con lo stomaco ancora chiuso dalla continua lettura di diversi (troppi) nauseanti commenti sui social network carichi di letame immotivato (e alimentato dai noti inqualificabili fomentatori di odio) nei confronti delle stragi continue di migranti sul nostro Mediterraneo. Avevo bisogno di un bagno...

Commenta questo post