La lezione di Soci@lmente consapevoli

Vogliamo condividere alcune lezioni apprese durante “Soci@lmente consapevoli”, l’evento sul tema del cyberbullismo promosso dal Corecom Sardegna in collaborazione con la Polizia Postale e delle Comunicazioni, l’Agcom, le Ragazze Terribili) e noi di Metis42 (con il patrocinio del MIUR e del Comune di Sassari).

1) Il bullismo digitale nasce sempre nel mondo fisico: sui social si sposta una persecuzione che prende il via a scuola o nei luoghi fisici di incontro dei giovani. Il social ha la funzione di amplificare e rendere permanente l’azione dei bulli;

Socialmente consapevoli sassari Metis 42

Lo “spettacolo” teatrale di Luca Pagliari con la storia di Andrea, vittima del cyberbullismo – Dal live tweeting dell’evento con l’hashtag #likess

2) stesso ragionamento per il linguaggio: l’aggressività digitale è sempre figlia della violenza verbale che nasce nel mondo fisico;

socialmente consapevoli sassari metis42

Manuel Vanuzzo, Capitano della Dinamo Basket, grande esperienza e saggezza. Un grande insegnamento per tutti. Dal live tweeting dell’evento con l’hashtag #likess

3) chi è vittima dei bulli deve sempre parlarne con qualcuno. Il silenzio è l’arma più formidabile nelle mani dei persecutori;

socialmente consapevoli sassari metis42

Dal palco sono in tanti a interagire, consigliare ma soprattutto ascoltare gli studenti durante il dibattito seguito alla storia “Like, storie di vita online”. Dal live tweeting dell’evento con l’hashtag #likess

4) un genitore non può ignorare completamente la vita digitale dei propri figli. Non c’è bisogno di ricorrere a software spia, strumenti manipolativi o alla censura più totale: il dialogo è sempre il modo migliore per prevenire il disagio;

socialmente consapevoli sassari metis42

Alcuni tweets degli studenti rivolti agli ospiti sul palco. Dal live tweeting dell’evento con l’hashtag #likess

5) nonostante siano in aumento le denunce per stalking e cyberbullismo sono ancora pochi i ragazzi che hanno il coraggio di palesare il proprio malessere rivolgendosi alle forze dell’ordine;

6) è sempre più difficile che chi viene identificato come cyberbullo possa farla franca, anche se pensa di agire in forma anonima.

socialmente consapevoli sassari metis42

43002 è il numero della polizia che si può chiamare, anche in forma anonima, per segnalare un caso di cyberbullismo. Dal live tweeting dell’evento con l’hashtag #likess

7) il web e i social network non sono “un problema”, ma una formidabile opportunità per accrescere le proprie relazioni, dialogare con il mondo, inventare un nuovo futuro. Shirin Ebadi, attivista iraniana per i diritti umani Premio Nobel per la pace nel 2003, dice: “Internet non è una rete di computer ma un intreccio di persone e culture: dovrebbe essere dichiarata Patrimonio dell’Umanità”. Sbagliato quindi dare una visione apocalittica. La strada migliore è educare ad un uso corretto e consapevole di questi strumenti, prevenendone i rischi e valorizzandone le potenzialità.

socialmente consapevoli sassari metis42

Uno dei momenti più “spettacolari” di Soci@lmente consapevoli: il teatro illuminato a giorno dagli smartphone dei partecipanti. Dal live tweeting dell’evento con l’hashtag #likess

Un’ultima lezione: l’attenzione e la partecipazione dimostrata dalle centinaia di studenti che hanno affollato il Teatro Comunale di Sassari e che hanno reso del momento del dibattito un’occasione di confronto franco, aperto, intelligente. Confronto che è avvenuto anche con un live tweeting molto partecipato attraverso l’hashtag #likess. Alcuni tweet sono il giusto completamento di questo post. Anche questo è un segnale che spesso i giovani sono più consapevoli di quanto si possa credere.

socialmente consapevoli sassari metis42

I ragazzi, veri protagonisti di “Soci@lmente consapevoli”. Dal live tweeting dell’evento con l’hashtag #likess

Post correlati

Ecco gli extra-pedestri. Per ripensare – insieme – mobilità e qualità di vita

Ecco gli extra-pedestri. Per ripensare – insieme – mobilità e qualità di vita

L’invasione è iniziata. Ma per fortuna “gli extra-pedestri” hanno intenzioni amichevoli. E larghi sorrisi. E curiosi occhi bambini. Si trovavano a bordo dell’astronave EP999 per esplorare nuovi mondi e fare conoscenza di altre forme di vita e di civiltà. Fino ad arrivare là dove nessun extra-pedestre è mai giunto prima: Sassari.

Garibaldi diventa multimediale (ma quando arrivano i soldatini…)

Garibaldi diventa multimediale (ma quando arrivano i soldatini…)

Tanti sardi non lo sanno eppure dalle nostre parti esiste un sito museale che unisce passato e futuro, saperi antichi e innovazione in un percorso unico ed emozionante anche per i più piccoli. Parliamo del Compendio garibaldino di Caprera, che da qualche anno non è più rappresentato solo dallo storico – e visitatissimo – casolare dove visse e morì l’Eroe dei Due Mondi.

Vivere o fotografare?

Vivere o fotografare?

E’ meglio ottenere un “mi piace” o godersi le esperienze? Lo studioso americano David Maxfield si trovava in spiaggia con la piccola nipote quando si rese conto che stava perdendo di vista le priorità: “Ero così intento a ottenere una buona immagine da caricare sui social – racconta sul sito venturebeat.com – che non mi sono goduto il momento di relax”. E così, insieme a Joseph Grenny ha promosso una ricerca proprio su questa distorsione della vita social. Risultato, il 58 per...

Commenta questo post