Quando il curriculum è un best seller

Per cercare lavoro bisogna essere dei bravi romanzieri. Talmente capaci nell’arte del racconto da rendere interessante e attraente l’unica storia che conosciamo veramente a fondo: la nostra. Nel giorno della festa dei lavoratori, vale la pena sottolineare uno degli aspetti più stimolanti dell’epoca 2.0: ognuno di noi ha la possibilità di raccontare vita, studi, competenze e aspirazioni come nessun altro aveva potuto fare prima.

Alcune ricerche rivelano che ogni curriculum vitae viene letto in pochi secondi: sembra che a un bravo selezionatore del personale bastino pochi battiti di ciglia per classificare la gran mole di CV che ogni giorno si abbatte sulle sue scrivanie fisiche e digitali. La partita della vita si gioca quindi in qualche secondo? Sì e no.

Il curriculum – anche lo spigoloso formato europeo – rimane sempre uno strumento essenziale. Ma non basta più. Anche perché i recruiter fanno sempre un giretto sui social per curiosare tra le pieghe della nostre identità on line e carpire quante più informazioni possibili. Tutto serve per tracciare un profilo: foto, opinioni, dibattiti, amicizie.

Ecco quindi che la platea di social che abbiamo di fronte diventa un formidabile strumento per imbastire il nostro romanzo. E’ necessario però, seguire alcune regolette:

  1. prima di tutto dobbiamo decidere se davvero vogliamo usare i social per promuoverci professionalmente. In tal caso è meglio rendere pubblici i nostri profili e agire di conseguenza: dovremmo rinunciare, ad esempio, a pubblicare i selfie quotidiani con le birrette o tutto ciò che potrebbe indebolire la nostra immagine;
  2. poi dobbiamo guardarci allo specchio e decidere di essere autentici. Anche (o soprattutto) on line le bugie hanno le gambe corte. E’ inutile millantare competenze o titoli non posseduti. Essere se stessi è la scelta più efficace anche in questo caso;
  3. fare un bilancio del nostro percorso formativo e professionale. Questa, a mio parere, è la parte più bella perché ci porta a riconoscere e valorizzare quanto di buono abbiamo fatto da studenti e da lavoratori;
  4. capire quali sono gli elementi (carattere, capacità, attitudini, risultati raggiunti e aspirazioni) che ci rendono unici. Puntiamo su quello che ci distingue.
  5. a questo punto possiamo costruire il nostro “romanzo” attraverso i social. L’immagine che rimandiamo deve essere coerente: chi ci segue su Linkedin, Facebook, Google+, Twitter, Instagram e Youtube deve incontrare sempre lo stesso Mario Rossi. Non ci possono essere messaggi o atteggiamenti contraddittori. I selezionatori professionali useranno Linkedin per desumere il nostro percorso professionale ma poi andranno su Facebook e Instagram per farsi un’idea delle nostre competenze trasversali. Google+ è invece utile per ottenere visibilità sull’omonimo motore di ricerca.
  6. infine bisogna giocare con l’egosurfing e tenere sotto controllo la nostra reputazione on line, tra Google e i social. Questo è forse l’aspetto più faticoso e imprevedibile. Anche perché per quanto noi possiamo sforzarci di costruire la nostra immagine digitale, non potremmo mai anticipare eventuali attacchi e maldicenze o semplicemente stoppare un amico che pubblica una foto imbarazzante senza chiedere il permesso.

Post correlati

Si torna sui banchi! Cosa vorrebbero gli studenti il primo giorno di scuola

Si torna sui banchi! Cosa vorrebbero gli studenti il primo giorno di scuola

In questi giorni si può leggere un po’ di tutto sull’inizio del nuovo anno scolastico: pagine dedicate alla scuola e alla “buona scuola”, agli insegnanti, altre di studenti disperati, genitori “impauriti” e altri “entusiasti”, decaloghi e consigli utili, proteste e proposte, foto di bambini con zaini e palloncini, selfie e video di vario genere, insomma come ogni settembre che si rispetti un inizio di anno scolastico in piena regola!

La fortuna di essere immigrato digitale

La fortuna di essere immigrato digitale

Nel 2115 avrò circa 140 anni. Difficile immaginare in che mondo vivrò. L’unico dato certo è qualche capello bianco in più. Si andrà ancora a scuola? Oppure ognuno seguirà le lezioni da casa, perché tenere su l’istituzione scolastica è in fondo troppo costoso? Mi farò curare a distanza da un medico di Bangkok? Quello in realtà lo faccio già oggi: il mio dietologo mi segue via Skype, e con discreto successo, per giunta – mi dicono – . E quali altre diavolerie tecnologiche avranno...

L’errore non è una colpa!

L’errore non è una colpa!

Siamo alla fine dell’anno ed è arrivato il fatidico momento della consegna delle pagelle; i nodi vengono al pettine e si tirano le somme su come i ragazzi hanno affrontato l’anno scolastico, successi, insuccessi ed errori di questi 9 mesi di scuola appena conclusi. Per molti sarà un momento difficile e delicato, di riflessione, di tensione: le bocciature, i debiti, i brutti voti sono sfide non facili da affrontare, ci fa piacere allora condividere una visione davvero stimolante...

Commenta questo post