8 consigli per diventare “il professore che ci piace”: parola di studente!

Io ne sono fermamente convinta: gli studenti, non tutti ma molti, la sanno lunga … soprattutto sui loro professori!

Ebbene si, i ragazzi hanno delle idee! Sulla scuola, sullo studio, sui professori, su quello che vorrebbero fare e come e, se gli viene data la possibilità, hanno il desiderio di farsi sentire, di esprimersi e di comunicare.

Troppo spesso pensiamo e crediamo che i ragazzi non abbiano niente da dire, che si lascino scivolare addosso ciò che accade ogni giorno ma questa visione è semplicistica e riduttiva: un esempio?
Guardate questo video e poi ne parliamo…

In 5 minuti di video ci sono idee e spunti di riflessione per un’intera riforma!
Credo che la prospettiva di questi ragazzi sia davvero interessante!
“Il professore che ci piace” è il frutto di un lavoro condiviso, di un confronto tra compagni, delle esperienze vissute, delle cose imparate e delle occasioni mancate.
Il video, uno dei tanti prodotti all’interno del progetto “World Social Agenda” (approfondiremo il tema in un prossimo post), colpisce perché i concetti espressi possono essere concretizzati fin da subito dai professori nelle scuole.

Ecco allora come deve essere il “Il professore che piace”. E’ colui che:

  1. fa esprimere le proprie idee ai ragazzi per migliorarne l’apprendimento,
  2. ascolta le difficoltà e suggerisce metodi di studio,
  3. offre momenti di ripasso prima delle verifiche,
  4. invece di insegnare aiuta ad imparare,
  5. “incrocia” le diverse materie,
  6. usa metodi alternativi e al passo con i tempi senza dover essere un genio dell’informatica,
  7. collega le materie alla vita quotidiana,
  8. aiuta a capire l’importanza del sapersi adattare alle situazioni della vita.

Pensiamo se in tutte le scuole si desse voce ai ragazzi per capire e ascoltare chi è il “professore che ci piace” e com’è “la scuola che ci piace” … forse la vera riforma potrebbe iniziare da subito.

 

Post correlati

Cadere e rialzarsi ai tempi di Google

Cadere e rialzarsi ai tempi di Google

Potremmo chiamarla la favola dell’uomo che disegnava mappe e che si perse per strada per colpa di una Google Car. Lo spunto è un’inchiesta della rivista “L’impresa” dedicata a come l’avvento del motore di ricerca di Page e Brin abbia sconvolto decine di business consolidati nel mondo. L’Istituto Geografico De Agostini – la società che dal 1901 ha dominato il mercato italiano della cartografia – alle soglie del Duemila si lanciò in un progetto digitale...

Anni ’40, i nerd sassaresi che anticiparono Skype

Anni ’40, i nerd sassaresi che anticiparono Skype

E’ nel 1948 che i sassaresi hanno scoperto Skype, o almeno il suo più lontano antenato: la banda radioamatoriale. Nel luglio di quell’anno, il quotidiano locale Il Corriere dell’Isola rivelò l’esistenza di una comunità che oggi definiremmo di nerd: un gruppo di “ingegneri, medici, avvocati, impiegati, studenti, ufficiali dell’esercito e dei carabinieri” con la passione per le onde radio. Chi è nato prima degli anni Novanta avrà sentito parlare spesso dei radioamatori – anche perché proprio...

Il dilemma del cornuto 2.0

Il dilemma del cornuto 2.0

Nel 2012 l’Associazione degli avvocati matrimonialisti italiani rivelava che il venti per cento delle infedeltà coniugali (una su cinque) veniva scoperto grazie al controllo della posta elettronica e del telefonino del coniuge fedifrago. Oggi, dopo l’esplosione di WhatsApp, la percentuale sarà ulteriormente salita. La nostra vita scorre talmente sulle autostrade digitali che è naturale che rimanga traccia delle scappatelle o delle semplici amicizie “pericolose”. Ed è naturale che...

Commenta questo post