3 consigli per imparare a conoscere l’autismo

Oggi 2 aprile 2015 viene celebrata la VII Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismopromossa dalle Nazioni Unite.

“L’autismo” – si legge sul sito autismi.com – “fondamentalmente una forma particolare di situarsi nel mondo e, per lo tanto, di costruirsi una realtà. Associato o non a delle cause organiche, l’autismo è riconoscibile dai sintomi che impediscono o pongono delle serie difficoltà al bambino nel suo processo di entrata nel linguaggio, nella comunicazione e nel vincolo sociale”.

Questa giornata così speciale nasce dall’urgenza di sensibilizzare l’opinione pubblica intorno a questo problema. Il modo migliore per farlo è immergersi dentro le storie, dolorose ma anche incredibilmente intense, che affrontano le famiglie che devono confrontarsi con questo problema quotidianamente.

Partecipiamo volentieri, nel nostro piccolo, a questa Giornata, segnalando tre modi per poter conoscere meglio l’autismo.

  1. Il canale TV Raitre propone in prima serata una trasmissione sul tema e un film molto emozionante dal titolo “Pulce non c’è”, con Pippo Delbono, Marina Massironi e Francesca di Benedetto. Al centro della storia, raccontata dalla tredicenne Giovanna, c’è la sorellina Margherita, che in famiglia chiamano “Pulce”, la quotidianità dell’autismo e la solitudine nella quale troppo spesso si vengono a trovare le famiglie. Un film italiano e una serata di storie ed esperienze per raccontare cos’è l’autismo ma soprattutto per prendere coscienza di come sia indispensabile che tutti facciano la loro parte per non escludere e per migliorare le condizioni di vita delle persone.Giornata autismo - pulce non c'è
  2. Il libro di recente pubblicazione, tutto sardo, intitolato “Antonio allo specchio”, edito da Carlo Delfino e scritto da Maria Grazia Pinna, una mamma sassarese che tutti i giorni lotta per dare al figlio Antonio, autistico, una vita migliore. La descrizione dell’evoluzione della vita quotidiana e il contatto con Antonio suscitano forti emozioni e una grande empatia, anche perché la narrazione è intensa, elegante, fluente e molto efficace, tanto da provocare il prolungamento dell’attenzione emotiva. Il libro “Antonio allo specchio” è acquistabile a questo link anche in formato e-book;Giornata mondiale autismo - Antonio allo specchio
  3. Per tutta la giornata a Sassari si susseguiranno diverse iniziative, tra le quali segnaliamo al Teatro Verdi alle 21 una serata benefica con il duo comico “PanPers”, da anni parte integrante del cast di Colorado Cafè. Una parte dell’incasso sarà devoluta all’Anpa Sardegna Onlus (Associazione Nazionale Persone Autistiche); la serata sarà preceduta da una fiaccolata che prenderà il via alle 19.30 dal Policlinico sassarese.

Giornata autismo - panpers show

L’invito da parte nostra è di predisporci a conoscere, imparare, immedesimarci, divulgare. Un piccolissimo gesto che possiamo fare e che richiede pochi secondi è anche quello di postare l’immagine del fiocco blu, simbolo della giornata, sul nostro profilo Facebook.

VII Giornata mondiale sull'autismo

 

 

 

Post correlati

Genitori digitali: tre incontri per capire come educare al tempo di internet

Genitori digitali: tre incontri per capire come educare al tempo di internet

A partire dal prossimo 24 febbraio a Sassari presso il Centro di Preparazione alla Famiglia si terranno tre incontri organizzati da Metis42 dal titolo “Genitori digitali: educare al tempo di internet“. Chi di noi non si è mai posto almeno una volta una di queste domande: Cosa fa mio figlio tutto il giorno attaccato allo smartphone? È lì che naviga per ore, posso stare tranquillo? Lo devo controllare? Quali rischi corre mio figlio quando naviga in internet? Come funziona...

Bullismo o ragazzata? La sfida educativa passa da Cuneo, e ci coinvolge tutti

Bullismo o ragazzata? La sfida educativa passa da Cuneo, e ci coinvolge tutti

Un antico proverbio africano recita: “Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio”. Detto in altri termini: non si educa da soli. Ovvero, non si può delegare ad altri l’educazione di qualcuno: tutti ne siamo coinvolti e corresponsabili. Partiamo dal fatto, ormai diventato noto caso di cronaca: in gita scolastica a Roma qualche settimana fa, quindici studenti tra 15 e 16 anni di un liceo di Cuneo si ritrovano insieme in una camera d’albergo. Uno di loro, forse un po’ brillo...

Commenta questo post