“Famiglia digitabile”, le sfide della rivoluzione digitale. Pronti per l’aperitivo?

I prossimi 23 e 24 marzo parleremo di cosa significa essere e vivere la famiglia oggi, nell’era digitale.

Parlando di sfida digitale penso non sia esagerato dire che quella che stiamo vivendo sia una vera e propria rivoluzione, l’inizio di una nuova era per cui la nostra vita, anche nelle più piccole azioni quotidiane, sta cambiando di anno in anno, a volte anche in un lasso di tempo più breve, in maniera sorprendente.

La sensazione, per noi che siamo nati con la radio e la tv, è quella di una perenne rincorsa per cercare di non rimanere indietro. Se poi siamo anche genitori di ragazzi e bambini cosiddetti “nativi digitali”, allora la nostra “gara” sembra ogni giorno una lotta impari!

In realtà la rivoluzione digitale può essere davvero una grande sfida e una grande opportunità per noi, per i nostri figli e le nostre famiglie, e siccome noi di Metis42 amiamo le sfide presenti e future e vogliamo attivare processi di cambiamento positivi e realizzabili, abbiamo pensato di iniziare un percorso che dia alle famiglie degli strumenti in più per poter leggere, interpretare e vivere consapevolmente questa nuova realtà.

Per queste ragioni il 23 e il 24 marzo (potete scegliere la data che si adatta meglio ai vostri impegni!) si terrà l’incontro-confronto Famiglia digitabile. La famiglia e le sfide della rivoluzione digitale tra App, smartphone e Facebook. L’incontro, gratuito e aperto ai genitori con bambini dai 6 ai 16 anni, vuole innanzitutto essere un punto di partenza per mettere a fuoco, in maniera semplice e diretta, il nostro modo di vivere la “realtà digitale”, le preoccupazioni, i dubbi, le paure, le problematiche educative e il rapporto con i nostri figli e la loro “vita digitale”.

L’obiettivo di questo appuntamento è quello di iniziare ad accendere una piccola luce che possa far intravvedere che oltre alle difficoltà la rivoluzione digitale, se vissuta consapevolmente, porta in sé delle opportunità importanti anche per la famiglia, per la sua crescita come singoli e come comunità.

Metis42 - Famiglia digitabile - 23 e 24 marzo 2015 Sassari

Questo incontro, che durerà un’oretta, non sarà fine a se stesso ma è “l’aperitivo” di un ciclo di 5 incontri in cui nel mese di aprile, con maggiore tempo a disposizione e con una metodologia partecipativa, si potranno affrontare tutte queste tematiche in maniera più approfondita ed originale e soprattutto con tutta la famiglia quindi non solo i genitori ma anche i figli!

Le curiosità, i dettagli e tutte le informazioni sul percorso di “Famiglia digitabile” saranno inserite a breve sul sito così che possiate capire al meglio la nostra proposta per non lasciarvi sfuggire un’occasione importante per rendere la vostra famiglia una famiglia “digitabile“!

Per ora vi aspettiamo il 23 o il 24 marzo alle 17,00 presso il Salone della Parrocchia di San Paolo in via Besta a Sassari.

Clicca qui per la locandina e il programma dell’incontro

Post correlati

Bullismo o ragazzata? La sfida educativa passa da Cuneo, e ci coinvolge tutti

Bullismo o ragazzata? La sfida educativa passa da Cuneo, e ci coinvolge tutti

Un antico proverbio africano recita: “Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio”. Detto in altri termini: non si educa da soli. Ovvero, non si può delegare ad altri l’educazione di qualcuno: tutti ne siamo coinvolti e corresponsabili. Partiamo dal fatto, ormai diventato noto caso di cronaca: in gita scolastica a Roma qualche settimana fa, quindici studenti tra 15 e 16 anni di un liceo di Cuneo si ritrovano insieme in una camera d’albergo. Uno di loro, forse un po’ brillo...

Una storia vera di cyberbullismo che colpisce al Cuore

Una storia vera di cyberbullismo che colpisce al Cuore

Sono rimasto molto colpito da una recente intervista a un adolescente vittima di un grave episodio di cyberbullismo nella sua classe. Ciò che più mi ha colpito è la descrizione che il ragazzo fa del suo compagno cyberbullo: “E’ malvagio. Quando uno piange, lui ride. Provoca tutti i più deboli di lui, e quando va su Facebook o su Ask.com, s’inferocisce e punta a far male. Non teme nulla, scrive male dei professori ovunque sul web, insulta tutti quando può, poi nega con una faccia...

Commenta questo post