“iOsmosi” connecting children, il mondo in classe!

L’iniziativa che oggi vogliamo presentare si chiama iOsmosi connecting children. Ci ha colpito perché, oltreché sfruttare le nuove tecnologie, aiuta a mettere in comunicazione i bambini di tutto il mondo e, scusate se ci permettiamo di generalizzare, ma questo è il vero segreto per costruire un mondo più umano.

iOsmosi connecting children è una piattaforma che mette in contatto le scuole e i bambini del mondo (dai 3 ai 10 anni) per la condivisione della lingua e dell’identità culturale. Le parole chiave di iOsmosi sono apertura, condivisione, incrocio ossia lavorare insieme per perfezionarsi l’un l’altro.

Partendo dai capisaldi della psicologia dello sviluppo e dell’apprendimento attivo, i bambini con l’aiuto di un insegnante facilitatore e il supporto di prodotti tecnologici innovativi, co-costruiscono un apprendimento spontaneo prodotto dall’interazione con coetanei che vivono anche dall’altra parte del pianeta, assimilando nuove abilità (lingua, cultura, usi, tradizioni) grazie alla cooperazione attiva e partecipativa dei gruppi classe.

Come funziona iOsmosi? Le scuole, ma anche la famiglia, le biblioteche, le ludoteche, accedono al sito e sono guidati passo passo nella registrazione e nella scelta di una programmazione ad hoc in base, principalmente, alla lingua e al livello dei ragazzi coinvolti. Dopodiché si crea un vero e proprio gemellaggio con una classe del paese scelto e poi…si inizia ad imparare giocando!

I programmi principali sono 3:
Conoscere una nuova lingua non prevista dal piano didattico;
Approfondire la lingua che si sta studiando a scuola;
Incrementare, perfezionare, potenziare e migliorare la capacità produttiva scritta.

L’apprendimento/gioco avviene attraverso i CuteAtoms10 piccoli mostri simpatici che vivono in iOsmoCity, ogni CuteAtoms si distingue dall’altro per le caratteristiche specifiche dell’atomo che rappresenta. Ogni CuteAtoms ha i propri hobby, cibi preferiti, particolarità fisiche, propensioni scolastiche, attitudini sportive e personalità.

cutesatoms1                                                         cutesatoms2

OU ed EICH sono i protagonisti di iOsmosi, i portavoce del programma. OU ed EICH hanno il compito di rappresentare una delle due classi in gemellaggio così da facilitare la comprensione delle attività da svolgere e la turnazione negli incontri tra le classi gemellate. A seconda dell’età dei bambini coinvolti i CuteAtoms avranno caratteristiche diverse e proporranno attività specifiche.

iOsmosi prevede anche una progettazione adatta per bambini non udenti perché tutti i bambini possano potenziare le loro abilità.

Ricapitolando: per le scuole e per noi genitori una finestra aperta sul mondo che aiuta i nostri figli a guardare oltre l’orizzonte e scoprire la curiosità di conoscere l’altro, la diversità, l’originalità e la bellezza di ogni bambino dovunque viva e qualunque lingua parli!

Vogliamo continuare a segnalare e divulgare tutte le idee, le buone prassi, le innovazioni e gli strumenti che possono rendere migliore la nostra scuola perché siamo fermamente convinti che tutti questi “semi” sparsi nel fertile terreno del “web” possano davvero germogliare e rendere migliori la famiglia, la scuola, la società, insomma tutti noi!

Post correlati

Bullismo o ragazzata? La sfida educativa passa da Cuneo, e ci coinvolge tutti

Bullismo o ragazzata? La sfida educativa passa da Cuneo, e ci coinvolge tutti

Un antico proverbio africano recita: “Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio”. Detto in altri termini: non si educa da soli. Ovvero, non si può delegare ad altri l’educazione di qualcuno: tutti ne siamo coinvolti e corresponsabili. Partiamo dal fatto, ormai diventato noto caso di cronaca: in gita scolastica a Roma qualche settimana fa, quindici studenti tra 15 e 16 anni di un liceo di Cuneo si ritrovano insieme in una camera d’albergo. Uno di loro, forse un po’ brillo...

“Io bullo” un cortometraggio per parlare di bullismo e cyberbullismo

“Io bullo” un cortometraggio per parlare di bullismo e cyberbullismo

Giovedì 26 alle ore 17.00 e venerdì 27 novembre alle 17.30 verrà presentato a Sassari il cortometraggio “Io bullo – cronaca di vita e cyberbullismo” tema di estrema attualità che spesso i nostri ragazzi vivono nelle nostre scuole che sono, purtroppo, teatro privilegiato di episodi di bullismo e, da un po’ di tempo, anche di cyberbullismo. 

Famiglia assente all’appello della #buonascuola, mentre in Finlandia …

Famiglia assente all’appello della #buonascuola, mentre in Finlandia …

Tra i temi dibattuti nella tanto criticata proposta di riforma della scuola italiana, tra presidi-sceriffo, valutazione, formazione permanente dei docenti e via parlando, c’è un elemento a mio avviso molto  sottovalutato, quello del rapporto tra scuola e famiglia. Nel testo in discussione al Senato la parola “genitori” compare solo 5 volte, in riferimento a un generico ruolo consultivo (a discrezione del dirigente) nella redazione del Piano di Offerta Formativa della scuola, e in previsione...

Commenta questo post