“iOsmosi” connecting children, il mondo in classe!

L’iniziativa che oggi vogliamo presentare si chiama iOsmosi connecting children. Ci ha colpito perché, oltreché sfruttare le nuove tecnologie, aiuta a mettere in comunicazione i bambini di tutto il mondo e, scusate se ci permettiamo di generalizzare, ma questo è il vero segreto per costruire un mondo più umano.

iOsmosi connecting children è una piattaforma che mette in contatto le scuole e i bambini del mondo (dai 3 ai 10 anni) per la condivisione della lingua e dell’identità culturale. Le parole chiave di iOsmosi sono apertura, condivisione, incrocio ossia lavorare insieme per perfezionarsi l’un l’altro.

Partendo dai capisaldi della psicologia dello sviluppo e dell’apprendimento attivo, i bambini con l’aiuto di un insegnante facilitatore e il supporto di prodotti tecnologici innovativi, co-costruiscono un apprendimento spontaneo prodotto dall’interazione con coetanei che vivono anche dall’altra parte del pianeta, assimilando nuove abilità (lingua, cultura, usi, tradizioni) grazie alla cooperazione attiva e partecipativa dei gruppi classe.

Come funziona iOsmosi? Le scuole, ma anche la famiglia, le biblioteche, le ludoteche, accedono al sito e sono guidati passo passo nella registrazione e nella scelta di una programmazione ad hoc in base, principalmente, alla lingua e al livello dei ragazzi coinvolti. Dopodiché si crea un vero e proprio gemellaggio con una classe del paese scelto e poi…si inizia ad imparare giocando!

I programmi principali sono 3:
Conoscere una nuova lingua non prevista dal piano didattico;
Approfondire la lingua che si sta studiando a scuola;
Incrementare, perfezionare, potenziare e migliorare la capacità produttiva scritta.

L’apprendimento/gioco avviene attraverso i CuteAtoms10 piccoli mostri simpatici che vivono in iOsmoCity, ogni CuteAtoms si distingue dall’altro per le caratteristiche specifiche dell’atomo che rappresenta. Ogni CuteAtoms ha i propri hobby, cibi preferiti, particolarità fisiche, propensioni scolastiche, attitudini sportive e personalità.

cutesatoms1                                                         cutesatoms2

OU ed EICH sono i protagonisti di iOsmosi, i portavoce del programma. OU ed EICH hanno il compito di rappresentare una delle due classi in gemellaggio così da facilitare la comprensione delle attività da svolgere e la turnazione negli incontri tra le classi gemellate. A seconda dell’età dei bambini coinvolti i CuteAtoms avranno caratteristiche diverse e proporranno attività specifiche.

iOsmosi prevede anche una progettazione adatta per bambini non udenti perché tutti i bambini possano potenziare le loro abilità.

Ricapitolando: per le scuole e per noi genitori una finestra aperta sul mondo che aiuta i nostri figli a guardare oltre l’orizzonte e scoprire la curiosità di conoscere l’altro, la diversità, l’originalità e la bellezza di ogni bambino dovunque viva e qualunque lingua parli!

Vogliamo continuare a segnalare e divulgare tutte le idee, le buone prassi, le innovazioni e gli strumenti che possono rendere migliore la nostra scuola perché siamo fermamente convinti che tutti questi “semi” sparsi nel fertile terreno del “web” possano davvero germogliare e rendere migliori la famiglia, la scuola, la società, insomma tutti noi!

Post correlati

Dai selfie ai belfie, fai che il passo non sia breve

Dai selfie ai belfie, fai che il passo non sia breve

Ho fatto di recente una scoperta raccapricciante: sull’onda della tendenza modaiola dei selfie, ne sta spopolando una nuova che però, come oggetto della foto, non ha la faccia, bensì il … ehm … deretano. Tale svago digitale assume il nome di “belfie”. Con tanto di accessoristica di supporto, come ad esempio il bastone, chiamato per l’appunto “belfie stick”, che aiuta il novello fotografo a posizionare lo smartphone nella posizione corretta e a completare...

Ecco l’identikit dei nativi digitali di Sassari e dintorni

Ecco l’identikit dei nativi digitali di Sassari e dintorni

Iperconnessi. Whatsapp-dipendenti. Vivono la loro dimensione “social” soprattutto come estensione spazio-temporale delle relazioni con gli  amici. La loro “vita in digitale” non è più un’appendice di quella reale, ma una semplice e naturale estensione. Problemi e cose spiacevoli avvenute on line? Sì, ma nella maggior parte dei casi sono state individuate in modo naturale delle strategie per venirne a capo. L’esperienza quotidiana e prolungata sul web insegna a capire a cosa si deve prestare...

Quando un’amicizia su Facebook costa il posto di lavoro

Quando un’amicizia su Facebook costa il posto di lavoro

Come nel finale di una puntata di Colombo, con il tenente trasandato che incastra l’assassino usando un banalissimo trucchetto. Nei panni di Peter Falk si è ritrovata nel 2012 un’azienda abruzzese, che ha usato un espediente digitale per provare la condotta inadempiente di un dipendente. L’uomo, già sanzionato nel 2003 e 2009 per aver violato le regole dell’azienda, il 21 agosto si era allontanato dal posto di lavoro per una telefonata privata di quindici minuti...

Commenta questo post