“Mi curo di te”: il wwf e la scuola insegnano ai bambini come prendersi cura del pianeta

Perché ogni persona interiorizzi stili di vita sostenibili e comportamenti corretti e responsabili è necessario che fin da bambini si vivano e si sperimentino momenti di vicinanza alla terra, alla natura e si condividano questi temi importanti attraverso lezioni, letture, confronti e giochi.

Il wwf offre da sempre spunti e idee importanti che catturano l’attenzione dei bambini così da renderli protagonisti fin da piccolissimi nella salvaguardia del pianeta. In particolare l’organizzazione mette a punto una interessante offerta didattica gratuita per le scuole che permette a insegnanti e studenti di parlare di natura e ambiente divertendosi. “Mi curo di te“.

Si tratta di un progetto triennale rivolto alle scuole che mira a far capire che “nell’era globale è necessario vivere il rapporto con la terra e le sue risorse con la consapevolezza che siamo tutti interconnessi, che ogni nostra azione, anche la più piccola, ha importanti conseguenze sugli equilibri della natura e sul futuro di tutti“. Il progetto sviluppa ogni anno un grande tema ambientale (acqua, clima, foreste) e per l’anno scolastico 2014/2015 il tema approfondito è proprio quello dell’acqua.

Dal sito gli insegnanti possono registrarsi e scaricare gratuitamente una lezione digitale creata appositamente per l’utilizzo con la LIM e schede di approfondimento, nonché partecipare ad un concorso quiz.

Nelle scuole in cui il progetto ha preso vita è stato un successo soprattutto per i bambini, estremamente interessati sia ai temi, affrontati in maniera divertente e chiara, sia alla metodologia multimediale che oggi è il pane quotidiano dei nostri figli.

I bambini sono pronti ad imparare per diventare adulti responsabili sta davvero a noi cogliere tutte le occasioni per aiutarli e “Mi curo di te” è una piccola grande occasione che tutte le scuole possono cogliere al volo!

Post correlati

A Parma gli studenti ‘navigano’ con stile

A Parma gli studenti ‘navigano’ con stile

Ormai ho sperimentato più volte che le migliori scoperte avvengono per caso!

Mi è capitato proprio oggi: ho “incontrato” tra le maglie delle rete un’esperienza che mi ha subito conquistato e che ho pensato di condividere. Un gruppo di ragazzi delle scuole medie di Parma, guidati da due psicologi, hanno creato il blog Navigare con stile. Più consapevoli di come usiamo internet = più liberi

L’innovazione didattica parte dal basso: dalla classe 3.0 alla flipped classroom

L’innovazione didattica parte dal basso: dalla classe 3.0 alla flipped classroom

Tra gli innumerevoli processi di riforma della scuola introdotti negli ultimi anni, che troppo spesso si sono rivelati mere razionalizzazioni dell’esistente in funzione di obiettivi di risparmio della spesa, c’è sempre stato un tema quasi del tutto assente, o inserito alla stregua di invocazioni di principio senza però ricadute concrete: l’innovazione della didattica. A sopperire a questa grave lacuna (grave perché dovrebbe essere l’ossatura della riforma, non un eventuale abbellimento), ci...

Il dilemma del cornuto 2.0

Il dilemma del cornuto 2.0

Nel 2012 l’Associazione degli avvocati matrimonialisti italiani rivelava che il venti per cento delle infedeltà coniugali (una su cinque) veniva scoperto grazie al controllo della posta elettronica e del telefonino del coniuge fedifrago. Oggi, dopo l’esplosione di WhatsApp, la percentuale sarà ulteriormente salita. La nostra vita scorre talmente sulle autostrade digitali che è naturale che rimanga traccia delle scappatelle o delle semplici amicizie “pericolose”. Ed è naturale che...

Commenta questo post