“Mi curo di te”: il wwf e la scuola insegnano ai bambini come prendersi cura del pianeta

Perché ogni persona interiorizzi stili di vita sostenibili e comportamenti corretti e responsabili è necessario che fin da bambini si vivano e si sperimentino momenti di vicinanza alla terra, alla natura e si condividano questi temi importanti attraverso lezioni, letture, confronti e giochi.

Il wwf offre da sempre spunti e idee importanti che catturano l’attenzione dei bambini così da renderli protagonisti fin da piccolissimi nella salvaguardia del pianeta. In particolare l’organizzazione mette a punto una interessante offerta didattica gratuita per le scuole che permette a insegnanti e studenti di parlare di natura e ambiente divertendosi. “Mi curo di te“.

Si tratta di un progetto triennale rivolto alle scuole che mira a far capire che “nell’era globale è necessario vivere il rapporto con la terra e le sue risorse con la consapevolezza che siamo tutti interconnessi, che ogni nostra azione, anche la più piccola, ha importanti conseguenze sugli equilibri della natura e sul futuro di tutti“. Il progetto sviluppa ogni anno un grande tema ambientale (acqua, clima, foreste) e per l’anno scolastico 2014/2015 il tema approfondito è proprio quello dell’acqua.

Dal sito gli insegnanti possono registrarsi e scaricare gratuitamente una lezione digitale creata appositamente per l’utilizzo con la LIM e schede di approfondimento, nonché partecipare ad un concorso quiz.

Nelle scuole in cui il progetto ha preso vita è stato un successo soprattutto per i bambini, estremamente interessati sia ai temi, affrontati in maniera divertente e chiara, sia alla metodologia multimediale che oggi è il pane quotidiano dei nostri figli.

I bambini sono pronti ad imparare per diventare adulti responsabili sta davvero a noi cogliere tutte le occasioni per aiutarli e “Mi curo di te” è una piccola grande occasione che tutte le scuole possono cogliere al volo!

Post correlati

8 esempi di sharing economy. L’antica arte del dono si mette in rete

8 esempi di sharing economy. L’antica arte del dono si mette in rete

Dal cibo alle auto, dalle vacanze ai figli, dal condomino al riuso sostenibile: quando le persone sul web mostrano la parte migliore di sé   [Piccola premessa personale. Scrivo questo post con lo stomaco ancora chiuso dalla continua lettura di diversi (troppi) nauseanti commenti sui social network carichi di letame immotivato (e alimentato dai noti inqualificabili fomentatori di odio) nei confronti delle stragi continue di migranti sul nostro Mediterraneo. Avevo bisogno di un bagno...

Commenta questo post