Facebook, qual è la mia identità digitale?

Piccolo giochino per riflettere sul ruolo che assumiamo nei social network, perché nella gestione della nostra identità digitale è sempre valido il vecchio “conosci te stesso”. L’aspetto più importante è essere consapevoli dell’immagine che promuoviamo attraverso Facebook e i social network. Poi ognuno è libero di fare ciò che vuole (ricordandoci sempre, come avevamo visto qualche tempo fa in quest’altro articolo, che i “social network” sono luoghi pubblici).

Abbiamo individuato sei grandi identikit di figure tipiche nei social: a nostro modo di vedere gli ultimi due sono certamente negativi. Ma come tutte le schematizzazioni ovviamente la classificazione non è assoluta poiché ciascuno di noi può indossare contemporaneamente più vesti. Ecco i sei profili.

Il DIDATTA. Colui che usa i post per rilanciare o segnalare articoli di interesse sociale: informazioni utili, bandi di concorso, scoperte scientifiche, buone notizie e così via. La sua bacheca è un utile promemoria su quanto di importante circola nel web.

Identikit digitale - Il didatta - metis42
Il REALISTA. Colui che riporta la cronaca della propria esistenza, trasforma la bacheca in un piccolo reality e condivide con gli amici piccoli e grandi accadimenti quotidiani: il menu della colazione, le vacanze al mare, la calorie bruciate in palestra, l’arrabbiatura contro il collega di lavoro, ecc. ecc.

Identikit digitale - Il realista - metis42

L’AUTORE. Figura poco presente dalle nostre parti ma considerato un fenomeno in crescita. E’ colui che riesce a fare un uso letterario e originale del social, costruendo vere e proprie fiction capaci di attrarre i nuovi lettori digitali. C’è anche chi sperimenta percorsi narrativi che obbligano l’interlocutore ad attraversare diversi canali: Facebook, Twitter, Youtube e così via.

Identikit digitale - L'autore - metis42

Il DOGMATICO. Colui che ha una fede forte (religiosa, politica, sportiva, ecc.) e usa Facebook per veicolarla con forza. Favorito anche dagli algoritmi del social – che privilegiano il confronto tra cerchie di utenti che condividono valori e visioni del mondo – prende posizioni nette e partecipa attivamente a dibattiti, a volte utilizzando toni sopra le righe rispetto a quelli usati nel mondo materiale.

Identikit digitale - Il dogmatico - metis42

Il NARCISISTA. Colui che ripropone ossessivamente la propria immagine. Figura sempre più studiata – e con preoccupazione – da giornali e istituzioni accademiche. Una recente indagine dell’università dell’Ohio ha analizzato il rapporto tra narcisismo e alcune patologie psichiatriche, verificando non solo la quantità di foto pubblicate ma anche il tempo dedicato al miglioramento digitale degli scatti, il cosiddetto editing.

Identikit digitale - Il narcisista - metis42

Il TROLL. Colui che usa i social per disturbare, interferire, polemizzare e infangare. Non necessariamente usa identità anonime. La sua esistenza è la causa della perdita di utenti da parte di Facebook e Twitter. La buona notizia è che esistono sempre maggiori forme per neutralizzare chi si diverte a rovinare la vita digitale al prossimo (ma ne parleremo più diffusamente un’altra volta).

Identikit digitale - Il troll - metis42

In quale di questi profili vi riconoscete di più? A vostro parere, quali altri identikit potremmo aggiungere?

Post correlati

Come si dice Abbecedario in linguaggio binario?

Come si dice Abbecedario in linguaggio binario?

Ho un figlio in prima elementare che sta scoprendo le meraviglie dell’alfabeto: vocali, consonanti e tutti gli intrecci che danno forma alle parole. Per questo ho letto con attenzione sull’ultimo Internazionale un’inchiesta dedicata alle scuole inglesi: le prime nel G7 a introdurre l’informatica obbligatoria per tutti gli studenti tra i 5 e i 16 anni. Nessun volo pindarico: all’età di 7 anni i bambini devono essere già in grado di scrivere un programma...

Vivere o fotografare?

Vivere o fotografare?

E’ meglio ottenere un “mi piace” o godersi le esperienze? Lo studioso americano David Maxfield si trovava in spiaggia con la piccola nipote quando si rese conto che stava perdendo di vista le priorità: “Ero così intento a ottenere una buona immagine da caricare sui social – racconta sul sito venturebeat.com – che non mi sono goduto il momento di relax”. E così, insieme a Joseph Grenny ha promosso una ricerca proprio su questa distorsione della vita social. Risultato, il 58 per...

La lezione di Soci@lmente consapevoli

La lezione di Soci@lmente consapevoli

Vogliamo condividere alcune lezioni apprese durante “Soci@lmente consapevoli”, l’evento sul tema del cyberbullismo promosso dal Corecom Sardegna in collaborazione con la Polizia Postale e delle Comunicazioni, l’Agcom, le Ragazze Terribili) e noi di Metis42 (con il patrocinio del MIUR e del Comune di Sassari). 1) Il bullismo digitale nasce sempre nel mondo fisico: sui social si sposta una persecuzione che prende il via a scuola o nei luoghi fisici di incontro dei giovani. Il...

Commenta questo post