Facebook, qual è la mia identità digitale?

Piccolo giochino per riflettere sul ruolo che assumiamo nei social network, perché nella gestione della nostra identità digitale è sempre valido il vecchio “conosci te stesso”. L’aspetto più importante è essere consapevoli dell’immagine che promuoviamo attraverso Facebook e i social network. Poi ognuno è libero di fare ciò che vuole (ricordandoci sempre, come avevamo visto qualche tempo fa in quest’altro articolo, che i “social network” sono luoghi pubblici).

Abbiamo individuato sei grandi identikit di figure tipiche nei social: a nostro modo di vedere gli ultimi due sono certamente negativi. Ma come tutte le schematizzazioni ovviamente la classificazione non è assoluta poiché ciascuno di noi può indossare contemporaneamente più vesti. Ecco i sei profili.

Il DIDATTA. Colui che usa i post per rilanciare o segnalare articoli di interesse sociale: informazioni utili, bandi di concorso, scoperte scientifiche, buone notizie e così via. La sua bacheca è un utile promemoria su quanto di importante circola nel web.

Identikit digitale - Il didatta - metis42
Il REALISTA. Colui che riporta la cronaca della propria esistenza, trasforma la bacheca in un piccolo reality e condivide con gli amici piccoli e grandi accadimenti quotidiani: il menu della colazione, le vacanze al mare, la calorie bruciate in palestra, l’arrabbiatura contro il collega di lavoro, ecc. ecc.

Identikit digitale - Il realista - metis42

L’AUTORE. Figura poco presente dalle nostre parti ma considerato un fenomeno in crescita. E’ colui che riesce a fare un uso letterario e originale del social, costruendo vere e proprie fiction capaci di attrarre i nuovi lettori digitali. C’è anche chi sperimenta percorsi narrativi che obbligano l’interlocutore ad attraversare diversi canali: Facebook, Twitter, Youtube e così via.

Identikit digitale - L'autore - metis42

Il DOGMATICO. Colui che ha una fede forte (religiosa, politica, sportiva, ecc.) e usa Facebook per veicolarla con forza. Favorito anche dagli algoritmi del social – che privilegiano il confronto tra cerchie di utenti che condividono valori e visioni del mondo – prende posizioni nette e partecipa attivamente a dibattiti, a volte utilizzando toni sopra le righe rispetto a quelli usati nel mondo materiale.

Identikit digitale - Il dogmatico - metis42

Il NARCISISTA. Colui che ripropone ossessivamente la propria immagine. Figura sempre più studiata – e con preoccupazione – da giornali e istituzioni accademiche. Una recente indagine dell’università dell’Ohio ha analizzato il rapporto tra narcisismo e alcune patologie psichiatriche, verificando non solo la quantità di foto pubblicate ma anche il tempo dedicato al miglioramento digitale degli scatti, il cosiddetto editing.

Identikit digitale - Il narcisista - metis42

Il TROLL. Colui che usa i social per disturbare, interferire, polemizzare e infangare. Non necessariamente usa identità anonime. La sua esistenza è la causa della perdita di utenti da parte di Facebook e Twitter. La buona notizia è che esistono sempre maggiori forme per neutralizzare chi si diverte a rovinare la vita digitale al prossimo (ma ne parleremo più diffusamente un’altra volta).

Identikit digitale - Il troll - metis42

In quale di questi profili vi riconoscete di più? A vostro parere, quali altri identikit potremmo aggiungere?

Post correlati

3 consigli per imparare a conoscere l’autismo

3 consigli per imparare a conoscere l’autismo

Oggi 2 aprile 2015 viene celebrata la VII Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo, promossa dalle Nazioni Unite. “L’autismo” – si legge sul sito autismi.com – “fondamentalmente una forma particolare di situarsi nel mondo e, per lo tanto, di costruirsi una realtà. Associato o non a delle cause organiche, l’autismo è riconoscibile dai sintomi che impediscono o pongono delle serie difficoltà al bambino nel suo processo di entrata nel linguaggio, nella...

Commenta questo post