Cadere e rialzarsi ai tempi di Google

Potremmo chiamarla la favola dell’uomo che disegnava mappe e che si perse per strada per colpa di una Google Car. Lo spunto è un’inchiesta della rivista “L’impresa” dedicata a come l’avvento del motore di ricerca di Page e Brin abbia sconvolto decine di business consolidati nel mondo. L’Istituto Geografico De Agostini – la società che dal 1901 ha dominato il mercato italiano della cartografia – alle soglie del Duemila si lanciò in un progetto digitale: creare un servizio di mappe on line con un investimento da 20 milioni di euro.

Una Google Car a Berlino (Da Wikipedia)

Una Google Car a Berlino (Da Wikipedia)

L’allora direttore generale della divisione cartografia, Stefano Giuliani, racconta come andarono le cose: “L’arrivo di Google Maps nel 2003 ci ha piallato: eravamo in 80, pensavamo di diventare 200, oggi siamo rimasti in 12; gli investimenti fatti tra il 1999 e il 2003 sono stati azzerati”. Google Earth, Google Maps e Google Street View si sono imposti come la principale forma di navigazione cartografica degli utenti di internet.

Dopo l’urto con il gigante di Mountain View la De Agostini fu costretta a ripensare i propri servizi, e la riscossa arrivò proprio dialogando con chi aveva causato quel tracollo: dal 2008 l’istituto italiano vende a Google i dati italiani su scala 1/100 mila e si è ritagliata una forte fetta di mercato nei servizi specialistici e di nicchia. Ora anche Google deve iniziare a fare i conti con i servizi cartografici open source.

Morale della favola, in questa fase di cambiamenti vorticosi non si può anticipare con certezza il futuro ma è sempre possibile rialzarsi dopo una batosta.

Post correlati

Una storia vera di cyberbullismo che colpisce al Cuore

Una storia vera di cyberbullismo che colpisce al Cuore

Sono rimasto molto colpito da una recente intervista a un adolescente vittima di un grave episodio di cyberbullismo nella sua classe. Ciò che più mi ha colpito è la descrizione che il ragazzo fa del suo compagno cyberbullo: “E’ malvagio. Quando uno piange, lui ride. Provoca tutti i più deboli di lui, e quando va su Facebook o su Ask.com, s’inferocisce e punta a far male. Non teme nulla, scrive male dei professori ovunque sul web, insulta tutti quando può, poi nega con una faccia...

Nasce Weschool, piattaforma web per innovare la didattica

Nasce Weschool, piattaforma web per innovare la didattica

Si chiama WeSchool e viene lanciata come “piattaforma digitale che dà i «superpoteri» ai prof”. E’ il nuovo strumento digitale lanciato da Oilproject, piattaforma nata dall’intuizione di un giovane italiano (allora) diciottenne, di nome Marco De Rossi, che è riuscito nell’impresa di creare  la scuola online più grande d’Italia, con migliaia di testi, video, riassunti, lezioni di tutte le materie a disposizione (gratuitamente) degli...

Dai selfie ai belfie, fai che il passo non sia breve

Dai selfie ai belfie, fai che il passo non sia breve

Ho fatto di recente una scoperta raccapricciante: sull’onda della tendenza modaiola dei selfie, ne sta spopolando una nuova che però, come oggetto della foto, non ha la faccia, bensì il … ehm … deretano. Tale svago digitale assume il nome di “belfie”. Con tanto di accessoristica di supporto, come ad esempio il bastone, chiamato per l’appunto “belfie stick”, che aiuta il novello fotografo a posizionare lo smartphone nella posizione corretta e a completare...

Commenta questo post