Cadere e rialzarsi ai tempi di Google

Potremmo chiamarla la favola dell’uomo che disegnava mappe e che si perse per strada per colpa di una Google Car. Lo spunto è un’inchiesta della rivista “L’impresa” dedicata a come l’avvento del motore di ricerca di Page e Brin abbia sconvolto decine di business consolidati nel mondo. L’Istituto Geografico De Agostini – la società che dal 1901 ha dominato il mercato italiano della cartografia – alle soglie del Duemila si lanciò in un progetto digitale: creare un servizio di mappe on line con un investimento da 20 milioni di euro.

Una Google Car a Berlino (Da Wikipedia)

Una Google Car a Berlino (Da Wikipedia)

L’allora direttore generale della divisione cartografia, Stefano Giuliani, racconta come andarono le cose: “L’arrivo di Google Maps nel 2003 ci ha piallato: eravamo in 80, pensavamo di diventare 200, oggi siamo rimasti in 12; gli investimenti fatti tra il 1999 e il 2003 sono stati azzerati”. Google Earth, Google Maps e Google Street View si sono imposti come la principale forma di navigazione cartografica degli utenti di internet.

Dopo l’urto con il gigante di Mountain View la De Agostini fu costretta a ripensare i propri servizi, e la riscossa arrivò proprio dialogando con chi aveva causato quel tracollo: dal 2008 l’istituto italiano vende a Google i dati italiani su scala 1/100 mila e si è ritagliata una forte fetta di mercato nei servizi specialistici e di nicchia. Ora anche Google deve iniziare a fare i conti con i servizi cartografici open source.

Morale della favola, in questa fase di cambiamenti vorticosi non si può anticipare con certezza il futuro ma è sempre possibile rialzarsi dopo una batosta.

Post correlati

“iOsmosi” connecting children, il mondo in classe!

“iOsmosi” connecting children, il mondo in classe!

L’iniziativa che oggi vogliamo presentare si chiama iOsmosi connecting children. Ci ha colpito perché, oltreché sfruttare le nuove tecnologie, aiuta a mettere in comunicazione i bambini di tutto il mondo e, scusate se ci permettiamo di generalizzare, ma questo è il vero segreto per costruire un mondo più umano. iOsmosi connecting children è una piattaforma che mette in contatto le scuole e i bambini del mondo (dai 3 ai 10 anni) per la condivisione della lingua e...

“Be social, be happy!” per prevenire a scuola il cyberbullismo

“Be social, be happy!” per prevenire a scuola il cyberbullismo

Al via domani all’Istituto di istruzione superiore “Antonio Segni” di Ozieri il progetto “Be social, be happy!” una serie di incontri nelle scuole per la prevenzione al cyberbullismo attraverso un percorso di sensibilizzazione ad un uso più consapevole e responsabile degli strumenti digitali, in particolar modo dei social network.

Commenta questo post