A Parma gli studenti ‘navigano’ con stile

Ormai ho sperimentato più volte che le migliori scoperte avvengono per caso!

Mi è capitato proprio oggi: ho “incontrato” tra le maglie delle rete un’esperienza che mi ha subito conquistato e che ho pensato di condividere. Un gruppo di ragazzi delle scuole medie di Parma, guidati da due psicologi, hanno creato il blog Navigare con stile. Più consapevoli di come usiamo internet = più liberi

I ragazzi presentano così il loro blog: “è uno spazio in cui non si possono trovare risposte, ma tante domande e stimoli con cui poter costruire, in modo personale, una propria verità. Non vi diremo che cosa sia giusto o sbagliato, ma sarete voi che, se vorrete sfruttare questo spazio, avrete la possibilità di formarvi un pensiero critico sul mondo delle tecnologie ed essere quindi più liberi di scegliere. Abbiamo creato questo “luogo” per discutere insieme su come utilizziamo internet, il computer, il telefono, soprattutto per diventare più consapevoli di come usufruiamo delle nuove tecnologie, delle possibilità che ci offrono, delle loro numerose qualità, dei difetti e dei rischi”.

Il blog contiene già molti post scritti dai ragazzi in cui cercano soprattutto di suggerire modi intelligenti di utilizzare le nuove tecnologie senza diventare smartphone-dipendenti ma sfruttando le potenzialità della rete, dei social network e delle tante APP a nostra disposizione.

“Navigare con stile” è naturalmente solo un esempio semplice e concreto di quanto oggi nella scuola sia possibile sperimentare una serie quasi infinita di progetti che vedano protagonisti i ragazzi; il blog è sicuramente un modo efficace e diretto, vicino all’esperienza quotidiana degli studenti e aperto al dialogo e alla collaborazione. E’ necessaria un po’ di formazione per gli insegnanti, la collaborazione di qualche esperto e un investimento economico ridotto, quello che serve davvero sono le idee, l’inventiva, la capacità di coinvolgere e rendere gli studenti dei veri blogger.

Cercheremo ancora di condividere esempi, progetti e buone prassi perché ogni scuola e ogni classe possa trovare una strada propria per iniziare ad innovarsi partendo dai talenti e dalle abilità degli studenti e degli insegnati.

 

Post correlati

8 consigli per diventare “il professore che ci piace”: parola di studente!

8 consigli per diventare “il professore che ci piace”: parola di studente!

Io ne sono fermamente convinta: gli studenti, non tutti ma molti, la sanno lunga … soprattutto sui loro professori! Ebbene si, i ragazzi hanno delle idee! Sulla scuola, sullo studio, sui professori, su quello che vorrebbero fare e come e, se gli viene data la possibilità, hanno il desiderio di farsi sentire, di esprimersi e di comunicare. Troppo spesso pensiamo e crediamo che i ragazzi non abbiano niente da dire, che si lascino scivolare addosso ciò che accade ogni giorno ma questa...

Genitori digitali: tre incontri per capire come educare al tempo di internet

Genitori digitali: tre incontri per capire come educare al tempo di internet

A partire dal prossimo 24 febbraio a Sassari presso il Centro di Preparazione alla Famiglia si terranno tre incontri organizzati da Metis42 dal titolo “Genitori digitali: educare al tempo di internet“. Chi di noi non si è mai posto almeno una volta una di queste domande: Cosa fa mio figlio tutto il giorno attaccato allo smartphone? È lì che naviga per ore, posso stare tranquillo? Lo devo controllare? Quali rischi corre mio figlio quando naviga in internet? Come funziona...

Commenta questo post