A Parma gli studenti ‘navigano’ con stile

Ormai ho sperimentato più volte che le migliori scoperte avvengono per caso!

Mi è capitato proprio oggi: ho “incontrato” tra le maglie delle rete un’esperienza che mi ha subito conquistato e che ho pensato di condividere. Un gruppo di ragazzi delle scuole medie di Parma, guidati da due psicologi, hanno creato il blog Navigare con stile. Più consapevoli di come usiamo internet = più liberi

I ragazzi presentano così il loro blog: “è uno spazio in cui non si possono trovare risposte, ma tante domande e stimoli con cui poter costruire, in modo personale, una propria verità. Non vi diremo che cosa sia giusto o sbagliato, ma sarete voi che, se vorrete sfruttare questo spazio, avrete la possibilità di formarvi un pensiero critico sul mondo delle tecnologie ed essere quindi più liberi di scegliere. Abbiamo creato questo “luogo” per discutere insieme su come utilizziamo internet, il computer, il telefono, soprattutto per diventare più consapevoli di come usufruiamo delle nuove tecnologie, delle possibilità che ci offrono, delle loro numerose qualità, dei difetti e dei rischi”.

Il blog contiene già molti post scritti dai ragazzi in cui cercano soprattutto di suggerire modi intelligenti di utilizzare le nuove tecnologie senza diventare smartphone-dipendenti ma sfruttando le potenzialità della rete, dei social network e delle tante APP a nostra disposizione.

“Navigare con stile” è naturalmente solo un esempio semplice e concreto di quanto oggi nella scuola sia possibile sperimentare una serie quasi infinita di progetti che vedano protagonisti i ragazzi; il blog è sicuramente un modo efficace e diretto, vicino all’esperienza quotidiana degli studenti e aperto al dialogo e alla collaborazione. E’ necessaria un po’ di formazione per gli insegnanti, la collaborazione di qualche esperto e un investimento economico ridotto, quello che serve davvero sono le idee, l’inventiva, la capacità di coinvolgere e rendere gli studenti dei veri blogger.

Cercheremo ancora di condividere esempi, progetti e buone prassi perché ogni scuola e ogni classe possa trovare una strada propria per iniziare ad innovarsi partendo dai talenti e dalle abilità degli studenti e degli insegnati.

 

Post correlati

La buona scuola? Impariamo dalla Finlandia. Parte 2: la didattica

La buona scuola? Impariamo dalla Finlandia. Parte 2: la didattica

Bentornati. In un precedente post (leggi qui) abbiamo presentato gli elementi di innovazione più salienti del sistema scolastico finlandese (considerato  modello di successo a livello internazionale) da un punto di vista organizzativo. In estrema sintesi possiamo richiamare tre concetti chiave: decentramento, autonomia, qualità degli insegnanti. In questo articolo vediamo invece quali sono le più importanti differenze (e sono tante e tutte degne di nota), in relazione al modello didattico...

12 atteggiamenti che bloccano la comunicazione con gli adolescenti (e non solo)

12 atteggiamenti che bloccano la comunicazione con gli adolescenti (e non solo)

Facciamo un piccolo test. Quante volte avete sentito delle frasi del tipo: “Devi stare più attento!”, “Se continui a mangiare così ti rovinerai la salute!”, “Perché non provi a farti seguire da qualcuno?”, “I giovani non hanno più valori”, “Ti sembra questo il modo di comportarti?”, “Dai, in fondo non è così grave, non ci pensare”. Che cosa avete provato quando vi sono state dette? E noi, le abbiamo mai utilizzate con i nostri ragazzi? Thomas Gordon Un noto psicologo americano di nome Thomas...

Bullismo o ragazzata? La sfida educativa passa da Cuneo, e ci coinvolge tutti

Bullismo o ragazzata? La sfida educativa passa da Cuneo, e ci coinvolge tutti

Un antico proverbio africano recita: “Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio”. Detto in altri termini: non si educa da soli. Ovvero, non si può delegare ad altri l’educazione di qualcuno: tutti ne siamo coinvolti e corresponsabili. Partiamo dal fatto, ormai diventato noto caso di cronaca: in gita scolastica a Roma qualche settimana fa, quindici studenti tra 15 e 16 anni di un liceo di Cuneo si ritrovano insieme in una camera d’albergo. Uno di loro, forse un po’ brillo...

Commenta questo post