Se la vita è un’APP

Perché nel futuro dovremmo avere bisogno della scuola? In fondo, le risposte a tutte le domande sono contenute in questo smartphone, o presto lo saranno”.

Feltrinelli - Serie Bianca

Feltrinelli – Serie Bianca

Citando questa battuta – ascoltata dalla viva voce di uno studente – Howard Gardner spiega cosa intenda per GENERAZIONE APP: i nativi digitali, cioè i ragazzi nati tra la fine degli anni Novanta e l’inizio del nuovo millennio, non solo sarebbero immersi nelle app “ma sono giunti a vedere il mondo come un insieme di app e le loro stesse vite come una serie ordinata di app – o forse, in molti casi, come un’unica app che funziona dalla culla alla tomba”.

La tesi è esposta in un agile volume intitolato “Generazione app, la testa dei giovani e il nuovo mondo digitale”, che lo psicologo e docente statunitense ha scritto insieme a Katie Davis. L’opera, particolarmente indicata per genitori e insegnanti, affronta le tre I in cui si giocano le principali sfide dell’adolescenza – l’Identità, l’Intimità e l’immaginazione – alla luce del rapporto con le nuove tecnologie.

Gardner non si lascia coinvolgere nel dibattito tra tecnofili e tecnofobici, ma spiega qual è la vera sfida educativa di questi tempi: “Le app che ci inducono o incoraggiano a esplorare nuove strade ci rendono app-attivi; quando, al contrario, permettiamo alle app di limitare o condizionare le nostre azioni, le nostre scelte o i nostri obiettivi, diventiamo app-dipendenti”. Decidiamo noi se la tecnologia ci rende schiavi o persone libere.

Post correlati

Fidenia il “social” per la scuola

Fidenia il “social” per la scuola

Un anno fa nasceva una nuova esperienza “social” molto speciale, Fidenia. Oggi cerchiamo di scoprirla insieme per capire le opportunità e le potenzialità di un social network nato, pensato e organizzato per le esigenze e i protagonisti del mondo della scuola: insegnanti, studenti e genitori, un luogo di incontro e scambio che può rivelarsi davvero utile!

Ecco l’identikit dei nativi digitali di Sassari e dintorni

Ecco l’identikit dei nativi digitali di Sassari e dintorni

Iperconnessi. Whatsapp-dipendenti. Vivono la loro dimensione “social” soprattutto come estensione spazio-temporale delle relazioni con gli  amici. La loro “vita in digitale” non è più un’appendice di quella reale, ma una semplice e naturale estensione. Problemi e cose spiacevoli avvenute on line? Sì, ma nella maggior parte dei casi sono state individuate in modo naturale delle strategie per venirne a capo. L’esperienza quotidiana e prolungata sul web insegna a capire a cosa si deve prestare...

Vivere o fotografare?

Vivere o fotografare?

E’ meglio ottenere un “mi piace” o godersi le esperienze? Lo studioso americano David Maxfield si trovava in spiaggia con la piccola nipote quando si rese conto che stava perdendo di vista le priorità: “Ero così intento a ottenere una buona immagine da caricare sui social – racconta sul sito venturebeat.com – che non mi sono goduto il momento di relax”. E così, insieme a Joseph Grenny ha promosso una ricerca proprio su questa distorsione della vita social. Risultato, il 58 per...

Commenta questo post