Come difendersi dai servizi SMS a sovrapprezzo e non perdere un sacco di soldi!

L’altra sera me ne stavo sul divano alle prese con una delle serie tv più avvincenti del momento (Fargo, se può interessarvi, anzi, ve lo consiglio!). Ad un certo punto il cinguettìo dello smartphone mi notifica l’arrivo di qualcosa. Controllo distrattamente. È un SMS. Da un numero sconosciuto. Lo leggo altrettanto distrattamente. Dice così:

Servizi SMS a sovrapprezzo - truffa

Lo rileggo un’altra volta strizzando gli occhi. Non lo capisco, ma tant’è. Chiudo e mi riconnetto con Fargo.

Dopo qualche minuto, di nuovo: “Twu – Twu – Twu – Twu – Twu”. Un’altra notifica. Un altro SMS. Da un altro numero sconosciuto, con questo testo assurdo.

Servizi SMS a sovrapprezzo - truffa

Inizio a insospettirmi. Che fare? Metto in pausa il telefilm e per prima cosa provo a cercare il numero del mittente sconosciuto e disturbatore su Google dal mio smartphone, ma mentre lo faccio, mi arrivano quasi contemporaneamente questi due nuovi SMS:

SMS WAZZA 2

Servizi SMS a sovrapprezzo - truffa

Ricapitolando, se non ho capito male, tali “DOCTORGAME” e “WAZZA” mi avrebbero abbonato a mia insaputa a degli insulsi e truffaldini servizi SMS a pagamento! Servizi che ovviamente non ho mai richiesto!

Accelero più possibile le mie ricerche e scopro quanto segue. Trattasi di provider di servizi esterni che forniscono SMS/MMS “a valore aggiunto”, o a sovrapprezzo, chiamati anche servizi VAS, o SMS Premium. Sono quegli SMS/MMS a pagamento il cui numero inizia solitamente con le decadi  43, 44, 46, 47, 48 e 49.

È una truffa nota da anni che purtroppo non si riesce a debellare. Ovviamente sono servizi illegali, perché attivati senza l’esplicito (e nemmeno l’implicito) consenso dell’utente.

L’abbonamento a questi servizi ha il solo scopo di lucrare sulla tua ricarica telefonica prosciugandola a suon di SMS, la cui frequenza di ricezione è elevatissima e i costi molto alti, addirittura fino a 5 euro ciascuno!

Cosa fare allora? L’operazione tecnicamente si chiama “Barring”. Un primo modo per disattivare questi servizi è inviare un SMS al numero dal quale li hai ricevuti con la scritta “STOP”.  Ma non sempre funziona.

Allora ho seguito la strada più certa, quella suggerita da diversi forum e blog:

ho contattato il mio operatore telefonico (al solito numero gratuito) e ho fatto in modo di parlare con un operatore chiedendo esplicitamente il “blocco immediato dei servizi a sovrapprezzo”, che è avvenuta nel giro di qualche ora.

I due ultimi SMS dei lestofanti gestori di quei servizi testimoniano che il “servizio” è disattivato.

SMS WAZZA 3 Servizi SMS a sovrapprezzo - truffa

L’unica fregatura è comunque tutto questo ha fatto perdere al mio conto telefonico circa 12 euro. E se non avessi fatto nulla chissà quanto avrei perso ancora. Purtroppo diversi forum dicono che poco o niente si può fare per recuperare quei soldi.

Invito pertanto anche a chi non è mai incappato in questi famigerati servizi SMS a sovrapprezzo, a contattare subito il proprio gestore telefonico e richiedere la disattivazione in via definitiva dei servizi SMS a sovrapprezzo. 

Se volete saperne di più vi invito a consultare questi tre link: Forum TelefoninoAltroconsumo e una recentissima inchiesta su laRepubblica. Nella speranza mai sopita e speriamo mai vana che truffe come queste prima o poi si possano definitivamente debellare.

Post correlati

“Be social, be happy!” per prevenire a scuola il cyberbullismo

“Be social, be happy!” per prevenire a scuola il cyberbullismo

Al via domani all’Istituto di istruzione superiore “Antonio Segni” di Ozieri il progetto “Be social, be happy!” una serie di incontri nelle scuole per la prevenzione al cyberbullismo attraverso un percorso di sensibilizzazione ad un uso più consapevole e responsabile degli strumenti digitali, in particolar modo dei social network.

Garibaldi diventa multimediale (ma quando arrivano i soldatini…)

Garibaldi diventa multimediale (ma quando arrivano i soldatini…)

Tanti sardi non lo sanno eppure dalle nostre parti esiste un sito museale che unisce passato e futuro, saperi antichi e innovazione in un percorso unico ed emozionante anche per i più piccoli. Parliamo del Compendio garibaldino di Caprera, che da qualche anno non è più rappresentato solo dallo storico – e visitatissimo – casolare dove visse e morì l’Eroe dei Due Mondi.

Commenta questo post