Sui social la scrittura è indelebile

La recente elezione del presidente della Repubblica ha fornito un esempio da manuale su una regola d’oro: sui social la scrittura è indelebile. Vale a dire, tutto quello che viene pubblicato (testi, foto, video, musica e così via) è destinato a rimanere per sempre nella memoria della rete. Lo abbiamo visto con gli scatti privati pubblicati su Facebook da un nipote del presidente Mattarella, che documentavano l’atmosfera domestica durante lo spoglio delle schede. Le foto sono state subito rimosse dal profilo ma sono diventate virali lo stesso.

Quello che postiamo è indelebile per tre motivi:

  1. in pochi secondi può essere copiato e ripostato da chiunque;
  2. il contenuto è comunque rintracciabile attraverso servizi di ricerca “intelligenti” capaci di scovare quello che apparentemente non è più on line;
  3. non abbiamo più diritti sul nostro materiale perché diventato di proprietà del social (ma questo è un argomento che approfondiremo un’altra volta).

Post correlati

Vivere o fotografare?

Vivere o fotografare?

E’ meglio ottenere un “mi piace” o godersi le esperienze? Lo studioso americano David Maxfield si trovava in spiaggia con la piccola nipote quando si rese conto che stava perdendo di vista le priorità: “Ero così intento a ottenere una buona immagine da caricare sui social – racconta sul sito venturebeat.com – che non mi sono goduto il momento di relax”. E così, insieme a Joseph Grenny ha promosso una ricerca proprio su questa distorsione della vita social. Risultato, il 58 per...

DOSSIER Scuola e digitale: in 5 – impietosi – dati, il ritardo dell’Italia in Europa

DOSSIER Scuola e digitale: in 5 – impietosi – dati, il ritardo dell’Italia in Europa

Indovinate? La scuola italiana è fanalino di coda in Europa per quanto riguarda le infrastrutture digitali. Lo dimostra un’indagine realizzata dalla Commissione Europea nel 2013 dal titolo “Survey of Schools: ICT in Education”, che ha messo a confronto il sistema scolastico di 31 paesi europei in rapporto al digitale. Il quadro d’insieme è sconfortante. Abbiamo estratto 5 dati che sintetizzano (e simboleggiano) il divario del nostro paese rispetto al resto...

Commenta questo post