Io sono on line e tu?

La 13^ edizione dell’Indagine Nazionale sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza, realizzata dall’Eurispes e dal Telefono Azzurro, si è focalizzata sui temi dei media e delle nuove tecnologie, della scuola, dei comportamenti a rischio. Il campione è stato di 1.100 bambini dai 7 agli 11 anni e 1.523 ragazzi di età compresa tra i 12 ed i 18 anni. La rilevazione, realizzata grazie al contributo delle scuole sul territorio nazionale, ha coinvolto 23 scuole di ogni ordine e grado.

Il video propone una sintesi interessante su “come, dove, quando, quanto e perché” i bambini e i ragazzi si rapportano ai nuovi strumenti della comunicazione: pc, tablet, smartphone e ai nuovi “luoghi” digitali internet, social network, blog.

La 13^ edizione dell’Indagine Nazionale sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza, realizzata dall’Eurispes e dal Telefono Azzurro, si è focalizzata sui temi dei media e delle nuove tecnologie, della scuola, dei comportamenti a rischio. Il campione è stato di 1.100 bambini dai 7 agli 11 anni e 1.523 ragazzi di età compresa tra i 12 ed i 18 anni. La rilevazione, realizzata grazie al contributo delle scuole sul territorio nazionale, ha coinvolto 23 scuole di ogni ordine e grado.

Il video propone una sintesi interessante su “come, dove, quando, quanto e perché” i bambini e i ragazzi si rapportano ai nuovi strumenti della comunicazione: pc, tablet, smartphone e ai nuovi “luoghi” digitali internet, social network, blog.

I nativi digitali sono multi tasking, connessi quasi 24 ore su 24, sono comunicatori, nuovi “artigiani”, autosufficienti e esperti. Possono fare a meno degli adulti, dei genitori? Quando e come i genitori interagiscono con le nuove tecnologie? Quale autonomia dare ai propri figli?

Vogliamo partire da qui per esplorare insieme il nuovo orizzonte della sfida digitale per confrontarci e capire insieme se la famiglia, la scuola, la società possono camminare accanto ai bambini e ai ragazzi piuttosto che rincorrerli e magari farli scappare!

Post correlati

Facebook, qual è la mia identità digitale?

Facebook, qual è la mia identità digitale?

Piccolo giochino per riflettere sul ruolo che assumiamo nei social network, perché nella gestione della nostra identità digitale è sempre valido il vecchio “conosci te stesso”. L’aspetto più importante è essere consapevoli dell’immagine che promuoviamo attraverso Facebook e i social network. Poi ognuno è libero di fare ciò che vuole (ricordandoci sempre, come avevamo visto qualche tempo fa in quest’altro articolo, che i “social network” sono luoghi...

Le 5 regole per fare un buon selfie

Le 5 regole per fare un buon selfie

Non tutti i selfie sono uguali. Almeno secondo un algoritmo messo a punto dal ricercatore Andrej Karpathy, che grazie a questa trovata informatica avrebbe trovato la pietra filosofale del nuovo millennio: gli ingredienti per fare un ottimo autoscatto da social. Lo studioso ha scandagliato ben due milioni di foto postate sui social con l’hashtag #selfie, individuando quei dettagli che consentono ai nostri ritratti di emergere nel diluvio di facce rovesciate quotidianamente nella Rete...

8 consigli per diventare “il professore che ci piace”: parola di studente!

8 consigli per diventare “il professore che ci piace”: parola di studente!

Io ne sono fermamente convinta: gli studenti, non tutti ma molti, la sanno lunga … soprattutto sui loro professori! Ebbene si, i ragazzi hanno delle idee! Sulla scuola, sullo studio, sui professori, su quello che vorrebbero fare e come e, se gli viene data la possibilità, hanno il desiderio di farsi sentire, di esprimersi e di comunicare. Troppo spesso pensiamo e crediamo che i ragazzi non abbiano niente da dire, che si lascino scivolare addosso ciò che accade ogni giorno ma questa...

Commenta questo post