Io sono on line e tu?

La 13^ edizione dell’Indagine Nazionale sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza, realizzata dall’Eurispes e dal Telefono Azzurro, si è focalizzata sui temi dei media e delle nuove tecnologie, della scuola, dei comportamenti a rischio. Il campione è stato di 1.100 bambini dai 7 agli 11 anni e 1.523 ragazzi di età compresa tra i 12 ed i 18 anni. La rilevazione, realizzata grazie al contributo delle scuole sul territorio nazionale, ha coinvolto 23 scuole di ogni ordine e grado.

Il video propone una sintesi interessante su “come, dove, quando, quanto e perché” i bambini e i ragazzi si rapportano ai nuovi strumenti della comunicazione: pc, tablet, smartphone e ai nuovi “luoghi” digitali internet, social network, blog.

La 13^ edizione dell’Indagine Nazionale sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza, realizzata dall’Eurispes e dal Telefono Azzurro, si è focalizzata sui temi dei media e delle nuove tecnologie, della scuola, dei comportamenti a rischio. Il campione è stato di 1.100 bambini dai 7 agli 11 anni e 1.523 ragazzi di età compresa tra i 12 ed i 18 anni. La rilevazione, realizzata grazie al contributo delle scuole sul territorio nazionale, ha coinvolto 23 scuole di ogni ordine e grado.

Il video propone una sintesi interessante su “come, dove, quando, quanto e perché” i bambini e i ragazzi si rapportano ai nuovi strumenti della comunicazione: pc, tablet, smartphone e ai nuovi “luoghi” digitali internet, social network, blog.

I nativi digitali sono multi tasking, connessi quasi 24 ore su 24, sono comunicatori, nuovi “artigiani”, autosufficienti e esperti. Possono fare a meno degli adulti, dei genitori? Quando e come i genitori interagiscono con le nuove tecnologie? Quale autonomia dare ai propri figli?

Vogliamo partire da qui per esplorare insieme il nuovo orizzonte della sfida digitale per confrontarci e capire insieme se la famiglia, la scuola, la società possono camminare accanto ai bambini e ai ragazzi piuttosto che rincorrerli e magari farli scappare!

Post correlati

A Parma gli studenti ‘navigano’ con stile

A Parma gli studenti ‘navigano’ con stile

Ormai ho sperimentato più volte che le migliori scoperte avvengono per caso!

Mi è capitato proprio oggi: ho “incontrato” tra le maglie delle rete un’esperienza che mi ha subito conquistato e che ho pensato di condividere. Un gruppo di ragazzi delle scuole medie di Parma, guidati da due psicologi, hanno creato il blog Navigare con stile. Più consapevoli di come usiamo internet = più liberi

Il dilemma del cornuto 2.0

Il dilemma del cornuto 2.0

Nel 2012 l’Associazione degli avvocati matrimonialisti italiani rivelava che il venti per cento delle infedeltà coniugali (una su cinque) veniva scoperto grazie al controllo della posta elettronica e del telefonino del coniuge fedifrago. Oggi, dopo l’esplosione di WhatsApp, la percentuale sarà ulteriormente salita. La nostra vita scorre talmente sulle autostrade digitali che è naturale che rimanga traccia delle scappatelle o delle semplici amicizie “pericolose”. Ed è naturale che...

Commenta questo post